Bud Spencer: la sua vita COMMENTA  

Bud Spencer: la sua vita COMMENTA  

Bud Spencer

Il pomeriggio del 27 Giugno è venuto a mancare a Roma Bud Spencer, protagonista (assieme a Terence Hill) delle pellicole dello Spaghetti Western.

Ieri pomeriggio è venuto a mancare Bud Spencer (nome d’arte per Carlo Pedersoli), uno dei simboli del cinema italiano, soprattutto dello Spaghetti Western. Una vita piena di mestieri diversi per il gigante nato a Napoli il 31 Ottobre 1929: prima di recitare egli era un campione di nuoto della nazionale italiana (sia nei 100 metri che nella pallanuoto), un costruttore di strade (nel suo periodo in Sud America) e un paroliere (per Ornella Vanoni).

La sua carriera inizia nel 1967 nel film Dio perdona…io no!, pellicola dove conosce Terence Hill, suo collega per tutta la carriera negli anni ’70 e ’80. Negli anni successivi la coppia si consolida e inizia la lunga scalata al successo, che li ha portati a essere conosciuti prima in tutta Europa e poi in tutto il mondo. Sempre del genere comic-western troviamo i capolavori Lo chiamavano Trinità e il seguito Continuavano a chiamarlo Trinità. Dopo la carriera da solista (la serie spassosa di Piedone) altri film di successo di Bud Spencer e Terence Hill furono Altrimenti ci arrabbiamo e Io sto con gli ippopotami.

Leggi anche: Bud Spencer ritratto in un murales a Napoli


Una carriera lunga di successi quella di Bud Spencer, la quale è intrecciata in maniera indissolubile a quella del suo compagno di avventura Terence Hill.

Leggi anche

Referendum: le città con il record di affluenze
Attualità

Referendum: le città con il record di affluenze

Referendum, la frequenza media d'Italia al momento è del 57, 24 %. ma ci sono città che superano la media alla grande. Alle urne sono stati chiamati ben 46.714.950 elettori, di cui 22.465.280 uomini e 24.249.670 donne. Alle 12 di oggi l'affluenza è stata alta, ma con  dei picchi massimi tra cui l'Emilia-Romagna al top (in cui ha votato il 25,96% della popolazione) e la Calabria in coda con il 13,02%. Alle 20 invece siamo, con 7.998 Comuni,  al 57,24%. "Tanti elettori alle urne? Me lo aspettavo perché si vota per una questione importante. Significa che la gente ha voglia di dire qualcosa" dice Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*