Caccia siriano precipita su zona commerciale, più di 30 civili morti COMMENTA  

Caccia siriano precipita su zona commerciale, più di 30 civili morti COMMENTA  

La situazione in Siria non sembra affatto volgere al meglio, come era parso da qualche tempo.
Gli episodi bellici si susseguono a cadenza quotidiana e, come spesso capita, la guerra finisce per coinvolgere anche i civili.

Ieri un caccia dell’esercito siriano regolare si è schiantato sulla zona commerciale della città di Ariha, presso il confine con la Turchia. Il velivolo era impegnato in un bombardamento e, all’improvviso, ha iniziato a perdere quota, precipitando sulla folla.

I morti accertati sono già 31, mentre i feriti sono almeno 70. I conteggi sono ancora in corso e non è affatto da escludere che le vittime possano essere di più.

Dalle prime ricostruzioni, il caccia sembrerebbe non essere precipitato a seguito di un attacco, ma bensì per un’avaria.
La città di Ariha si trova, dalla fine dello scorso mese di maggio, in mano ai jihadisti del gruppo Jaish al-Fateh, l’Esercito della Conquista.

L'articolo prosegue subito dopo

Dura la reazione proveniente dagli USA, dove il presidente Obama ha annunciato di aver autorizzato la protezione aerea delle truppe locali addestrate dagli specialisti statunitensi anche nei confronti del regime di Assad.
Ora si teme che lo scontro nell’area possa entrare in una nuova fase, con gli Stati Uniti pronti a interventi modo più decisi di quelli visti finora.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*