Cagliari, Giuditta di Matteo curava il cancro con succhi di frutta e verdure: morta a 49 anni

Cagliari, Giuditta di Matteo curava il cancro con succhi di frutta e verdure: morta a 49 anni

News

Cagliari, Giuditta di Matteo curava il cancro con succhi di frutta e verdure: morta a 49 anni

curare-il-cancro-con-cure-naturali
curare-il-cancro-con-cure-naturali

Giuditta, donna di 49 anni è morta a Cagliari dopo aver provato a curarsi il cancro da sola con frutta, verdure e caffè.

Giuditta Di Matteo era un’insegnate elementare di Cagliari. E’ morta giovedì mattina a soli 49 anni, aveva provato a curarsi il cancro da sola. Nel 2002 le era stato diagnosticato un cancro alle ghiandole linfatiche, ma dopo la prima seduta di chemioterapia aveva deciso di curarsi in un altro modo, con frullati di frutta, verdure e caffè.

Giuditta ha preso spunto da Max Gerson, medico tedesco morto nel 1959 il quale teorizzava le cure naturali attraverso la disintossicazione a base di frullati di frutta e verdura, rimineralizzazione a base di ortaggi freschi e biologici e l’uso di alcune tecniche per sostenere il fegato durante l’intero periodo di terapia.

La donna è morta a Cagliari giovedì mattina. In ospedale i medici hanno detto “avremmo potuto fare di più se si fosse rivolta a noi prima” inizialmente si era sottoposta a tutte le cure e a tutti i controlli che generalmente si fanno quando viene diagnosticato un tumore, ma dopo qualche iniziale miglioramento la sua situazione era precipitata velocemente, così Giuditta ha deciso di intraprendere un’altra via.

Il tumore si era esteso molto, fino ai bronchi e ai polmoni, non aveva più le forze di sottoporsi ad altri cicli di chemioterapia, ma purtroppo questo metodo decisamente non ha funzionato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche