Cagliari-Roma, 0-3 a tavolino. Cellino: «Baldini avvoltoio». Lotito: «Le partite si vincono sul campo» COMMENTA  

Cagliari-Roma, 0-3 a tavolino. Cellino: «Baldini avvoltoio». Lotito: «Le partite si vincono sul campo» COMMENTA  

CAGLIARI – Tosel ha deciso: Cagliari-Roma finisce 0-3 a tavolino. I rossoblu pagano nel peggiore dei modi la provocazione che il loro presidente aveva lanciato alle istituzioni, dopo che la Prefettura aveva definito inagibile l’Is Arenas e deciso che il match con la Roma si sarebbe giocato a porte chiuse. «Venite tutti allo stadio, i miei ingegneri lo reputano a posto» aveva risposto Massimo Cellino (nella foto) ai tifosi sardi, tramite un comunicato sul sito ufficiale del Cagliari. L’appello di Cellino e la sua sfida alle decisioni della  Prefettura sono state accolte da quest’ultima nella maniera più dura possibile: la partita con la Roma, che si doveva disputare ieri, viene rimandata a data da destinarsi.


Oggi, però, arriva la mazzata definitiva, perché il giudice sportivo Tosel ha stabilito la sconfitta tavolino. Sono state accolte, quindi, le istanze della Roma e del d.g. Franco Baldini, ma soprattutto Lega e Figc hanno voluto rimettere il vulcanico presidente al suo posto.


Cellino aveva attaccato personalmente Baldini, definendolo un «avvoltoio» per aver richiesto la vittoria a tavolino dei giallorossi: «Lo stemma più appropriato per chi spera di avvantaggiarsi delle disgrazie altrui sarebbe quello dell’avvoltoio». L’attacco è rivolto al solo Baldini, perché, secondo Cellino, questo tipo di atteggiamento «non rappresenta lo spirito dei romanisti, dei quali rimarremo sempre amici».


La sconfitta è stata una doccia fredda per il presidente del Cagliari, in quanto, secondo lui, la decisione del rinvio non è legata a motivi sportivi, ma è stata presa in seguito ad una decisione istituzionale.  Tuttavia, come era lecito aspettarsi, il Cagliari non si arrende: «Stiamo studiando le carte» ha dichiarato l’avvocato del club, Mattia Grassoni, «ma l’ultima parola per il ricorso spetta al presidente. Abbiamo tre giorni a partire da oggi». La tesi difensiva dei rossoblu è chiara: il Cagliari non è responsabile del rinvio della gara, legato, infatti, alla decisione della Prefettura.

L'articolo prosegue subito dopo


Anche il presidente della Lazio, Claudio Lotito, ha voluto dire la sua sulla questione, appoggiando Cellino ed esprimendo tutto il suo dissenso per la decisione di Tosel che ha regalato la vittoria ai rivali giallorossi: «Lo ritengo un atteggiamento che non esprime i valori dello sport. Cellino si trova in una situazione di difficoltà, non bisogna speculare. Io non avrei chiesto lo 0-3 , le partite si vincono sul campo».

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*