Calciomercato Milan, le possibili cessioni eccellenti

Calciomercato Milan, le possibili cessioni eccellenti

Sport

Calciomercato Milan, le possibili cessioni eccellenti

milan
Calciomercato Milan, le possibili cessioni eccellenti

Il periodo no del Milan impone alla dirigenza milanista di fare importanti riflessioni sul tecnico e sul da farsi nel calciomercato.

Non era così che doveva andare, non era così che volevano i tifosi, e ovviamente anche la dirigenza. Il Milan ha totalizzato soltanto 13 punti in 9 partite, deludendo tutte le attese. Durante l’estate molti esperti, non solo ‘semplici’ tifosi, avevano fatto pronostici ben più ottimistici. Certo, anche la Juventus partì molto male nella stagione 2015/2016 e poi vinse di nuovo lo scudetto, ma è evidente che a Milanello ci sono problemi. Se venisse mancato il bersaglio Champions League, si rischiano pesanti ripercussioni el calciomercato.

Crisi Milan

Vincenzo Montella, che prima di tingersi di rossonere era un allenatore molto stimato (e per chi capisce di calcio lo è ancora), adesso si ritrova in bilico. I risultati non sono dalla sua, l’anno scorso a quest’ora il Milan aveva totalizzato sei punti in più. Il periodo negativo penalizza di molto la posizione di Montella, che si trova a dover vincere a tutti i costi le prossime partite.

E tra due incontri c’è la Juventus, anch’essa in crisi, ma che comunque appare più solida. La dirigenza rossonera sta comunque già cercando un sostituto per la panchina, e sta già pensando a come muoversi nel calciomercato. Senza la Champions League, saranno necessarie delle cessioni pesanti.

milan

Il dopo-Montella

Il ds del Milan Massimiliano Mirabelli, interpellato sulla situazione dell’Aeroplanino Vincenzo Montella è ambiguo. Più che rinnovargli la fiducia in modo esplicito, afferma che tutti sono sotto giudizio, e che tutti hanno comunque un tempo limitato per svolgere il proprio mestiere e fare le scelte giuste. O sbagliate. E la vittoria in casa Milan manca da ben 4 partite. Di questo passo non si arriva in zona Champions League. Se le cose dovessero andare male, la squadra rossonera punterà su un traghettatore. I nomi possono essere quelli di Walter Mazzarri (pieno di voglia di rivalsa contro l’Inter), Paulo Sousa o l’amico ed idolo dei tifosi (lo erano però anche Filippo Inzaghi e Clarence Seedorf) Gennaro Ivan Gattuso.

La stagione verrebbe terminata in questo modo.

Poi ci sarebbe l’accoglienza di un allenatore top. I due nomi sono già stati fatti più volte: Carlo Ancelotti o Antonio Conte. Questi due nomi, per quanto Carletto sia affezionato al Milan, e per quanto l’ex ct azzurro voglia tornare in Italia, sono però difficili da raggiungere.

milan

Cessioni importanti

Ma se anche col traghettatore le cose dovessero andare male, e quindi verrà mancata la qualificazione alla prossima Champions League, la situazione peggiorerà inesorabilmente. Senza gli introiti per la massima competizione europea, saranno necessarie importanti cessioni per fare cassa. E ad affermare ciò era stato proprio ad Marco Fassone.

Donnarumma al PSG?

La prima, che apparerebbe scontata e banale a quel punto, è quella di Gigio Donnarumma. Il giovane portiere, per quanto sia ancora acerbo in alcuni frangenti, mostrando di non padroneggiare totalmente i fondamentali in maniera costante, ha molti margini di miglioramento e probabilmente è il giocatore con più mercato.

Su di lui ci sarebbe il Paris Saint-Germains, ma anche squadre come il Bayern Monaco ed il Real Madrid sono interessate. La base su cui duellare è la clausola da 80 milioni.

milan

Silva e Calhanoglu

L’Arsenal è invece interessato ad André Silva, che potrebbe comprarlo per sostituire i possibili partenti Ozil e Sanchez. Anche Hakan Calhanoglu potrebbe essere sacrificato senza troppi rimpianti. Come André Silva, anche lui sta un po’ deludendo le aspettative, nonostante fosse presentato come un’interessante acquisto. E sulla carta lo era, soprattutto per la bravura nei calci piazzati. Ma adesso Vincenzo Montella sembra aver messo in secondo piano Hakan Calhanoglu. Ieri, dopo la discussa espulsione di Leonardo Bonucci, il tecnico rossonero ha deciso di sostituirlo.

Leonardo Bonucci

Proprio l’ex difensore della Juventus, al quale è stata affidata la fascia di capitano, è adesso bersaglio di diverse critiche da parte dei tifosi. Sembra in effetti un lontano parente del calciatore ammirato con Antonio Conte, e ricorda invece il giocatore dell’anno di Luigi Delneri (stagione 2010/2011, Juventus settima). Tuttavia il nome di Leonardo Bonucci può ancora adesso suscitare interesse da parte dei top club europei, e perciò una succosa offerta da parte del Barcellona o del Chelsea (allenato proprio da Antonio Conte), potrebbe essere preziosa per le casse rossonere.

milan

Suso e Premier

Un altro giocatore sacrificabile è Suso.

Il Tottenham, allenato da Pochettino è molto interessante al giocatore spagnolo. La squadra inglese è pronta a mettere sul piatto ben 23 milioni, che potrebbero convincere tutti. D’altronde, lo stesso Suso non è soddisfatto della situazione attuale del Milan, reduce da un pareggio contro il Genoa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche