Calciomercato Roma, ecco il piano di Pallotta per arrivare a Kessié
Calciomercato Roma, ecco il piano di Pallotta per arrivare a Kessié
Calcio

Calciomercato Roma, ecco il piano di Pallotta per arrivare a Kessié

Calciomercato Roma, ecco il piano di Pallotta per arrivare a Kessie
Calciomercato Roma, ecco il piano di Pallotta per arrivare a Kessie

Una Roma giovane. Con il ds Monchi, via libera ai potenziali assi di domani, nell'ottica della ristrutturazione finanziaria e della convenienza progettuale.

Eccola, la Roma giovane! Il presidente Pallotta ha le idee ben chiare. Con il dirigente sportivo Monchi, l’idea è quella di puntare sui potenziali campioni di domani. Tira un’aria secca e chiara nella Capitale. E il messaggio è inequivocabile: chi non vuol far parte della festa, può andarsene, a cominciare dall’allenatore. E chi vorrebbe farne parte, potrebbe anche essere ceduto. L’ottica del progetto è quella di ristrutturare dal punto di vista finanziario e puntare sulla convenienza.

Movimenti di big

A parlare degli ultimi movimenti in casa giallorossa è il Corriere dello Sport. I rinnovi dei contratti per Strootman e Nainggolan sono stati temporaneamente congelati, in attesa di tempi più rosei. E con Manolas, le trattative sono state sospese: la cessione di un difensore 26enne e al massimo delle sue potenzialità potrebbe rivelarsi funzionale alle esigenze economiche del club. Entro il 30 giugno, però, la Roma sarà costretta a vendere almeno un grande calciatore, altrimenti chi lo contiene il disavanzo di 53,3 milioni dopo solo 6 mesi di esercizio? Monchi Santo subito.

Il nuovo ds sta manovrando i fili proprio per non rischiare il depauperamento del patrimonio della rosa e per ripartire di slancio.

La società si è già impegnata per circa 40 milioni con i riscatti di Fazio, Bruno Peres, Perotti, Emerson, Mario Rui e Juan Jesus. Ecco perchè diventa fondamentale la conquista del secondo posto in Campionato, il salvacondotto diretto alla Champions League. La Roma deve solo riuscire a tenere dietro il Napoli.

Spalletti sì, Spalletti no?

Le garanzie progettuali vincolate al piazzamento in Campionato e l’autonomia decisionale all’interno di Trigoria scriveranno il futuro di Luciano Spalletti alla panchina della Roma. Pallotta è stato più che chiaro: la prima scelta resta lui. Ciò nononstante, ha messo le mani avanti, mandando in avanscoperta Baldini per non farsi trovare spiazzato di fronte a un eventuale addio del tecnico toscano. Ed ecco che, all’orizzonte, già spunta un nome. Ma, per il momento, sono solo voci. Parlano di Emery, Montella, Mancini, Gasperini. Le alternative abbondano. Ma se Spalletti resta, la Roma è ben felice di non cambiare. Ed è proprio lo sttesso Pallotta a essere convinto che la squadra abbia già in casa l’uomo giusto.

Inutile guardarsi troppo attorno. Resta solo da capire fino a quando durerà lo stallo.

Calciomercato: chi dentro, chi fuori?

Dentro Kessié, fuori Nainggolan. Non è ancora nero su bianco, ma un’ipotesi fondata. E’ sempre la stessa storia: la Roma deve riequilibrare il bilancio. Ecco perchè davanti a un’offerta irrinunciabile, potrebbe trovarsi costretta a vendere il suo giocatore più amato: Nainggolan. Perchè un calciatore 29enne non può e non deve essere trattenuto di fronte a un’asta internazionale. Soprattutto se già è stato individuato un degno sostituto. Eccolo: è Franck Kessié, il rinforzo bloccato da gennaio. Grazie alla proposta all’Atalanta, l’idea è quella di acquistarlo subito per averlo poi a luglio alla Roma. L’accordo c’è, deve solo essere sottoscritto. Kessié è del ‘96, come lo è anche Lorenzo Pellegrini che ritornerà giallorosso dietro pagamento dei 10 milioni della clausola di riacquisto. Nel mirino, anche Lenglet per la difesa e Dolberg per l’attacco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche