Calcioscommesse, Mentana: “Nuovi arresti in arrivo”

Calcio

Calcioscommesse, Mentana: “Nuovi arresti in arrivo”

Lo scandalo sul calcioscommesse non si ferma, anzi rilancia. Sono infatti ore di piena allerta quelle che il calcio italiano vivrà per tutta la prossima settimana: se infatti secondo rumors accreditati una nuova ondata di arresti anche illustri era attesa per i primi giorni della settimana pasquale le ultime indiscrezioni parlano di un sensibile anticipo per la nuova svolta con mandati di cattura entro le prossime 24/48 ore. Ad annunciarlo è stato Enrico Mentana all’interno dell’edizione delle 20 del Tg La 7: un giornale solitamente lontano dalle cronache calcistiche, quindi particolarmente attendibile se “sgancia” una simile bomba. Ma da Bari, una delle tre procure attive sul caso, non sono arrivate conferme a riguardo ed anzi è trapelato un certo disappunto per l’ennesima fuga di notizie: dal capoluogo pugliese è giunto un silenzio assordante che comunque non vale una smentita. Insomma la notizia dovrebbe essere vera e secondo gli ultimi aggiornamenti gli inquirenti si sarebbero concentrati nelle ultime su un ristretto numero di indagati tra cui alcuni ex giocatori biancorossi ed un dirigente di un imprecisato club pugliese oltre a vari scommettitori e ristoratori, laddove le scommesse venivano allestite. Gli sviluppi sono in arrivo, quindi: e clamorosi.

Come clamorosa è la voce riportata dal Corriere dello Sport di mercoledì secondo cui le manovre illecite si sarebbero prolungate anche nella stagione in corso: sotto la lente degli inquirenti sarebbe infatti finita Sampdoria-Modena 1-1 dell’attuale campionato di B, risalente esattamente al 26 novembre 2011: partita che, gli appassionati ricorderanno, fu caratterizzata da continue risse tra elementi delle due squadre. I sospetti gravitano attorno ad Ivan Tisci ed Alessandro Zamperini, ex giocatori del Modena nonché figure ben note già dalla prima ora dell’inchiesta, ma anche sull’attuale calciatore gialloblù Marco Turati, anch’egli già interrogato per fatti risalenti ai tempi della sua militanza nel Grosseto. Intanto mercoledì sono stati sentiti a Roma Vincenzo Italiano e Max Benassi: tanto il regista del Padova che il portiere del Lecce hanno smentito seccamente di essere coinvolti nello scandalo come sostenuto da Gervasoni. Fissati infine per sabato 31 gli interrogatori di Vinko Saba e Alija Ribic, i due croati costituitisi all’alba ad Ancona e di seguito scortati fino al carcere di Bari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...