Calcioscommesse: nessuna confessione da Sartor - Notizie.it

Calcioscommesse: nessuna confessione da Sartor

Calcio

Calcioscommesse: nessuna confessione da Sartor

C’è chi ammette le proprie responsabilità, chi si mostra ancora reticente ma anche chi per poco non cade dalle nuvole. Così dopo giorni “soddisfacenti”, come dichiarato dal pm Di Martino, in cui gli interrogati hanno mostrato collaborazione, ecco che l’ultima “fatica” prima di una breve pausa (il prossimo interrogato sarà Doni l’11 gennaio) riserva impreviste delusioni per gli inquirenti. Le quasi cinque ore (dalle 11 alle 16 circa con una breve pausa pranzo) di interrogatorio di Gigi Sartor non hanno contribuito a fare ulteriore chiarezza: l’ex difensore di Juventus, Inter, Parma e Roma è ritenuto il “contabile” del gruppo “bolgonese” e Di Martino gli ha anche chiesto lumi anche sullo “strano” conto in Svizzera aperto dallo stesso Sartor e dal suo commercialista, ma senza ottenere particolari riscontri, né ammissioni. Dopo la scena muta di sette giorni fa Sartor ha sì accettato di collaborare ma solo parzialmente. Emblematica appare la dichiarazione dell’avvocato Tuccari: “Stiamo collaborando, ma non confessando perché non abbiamo nulla da confessare, semmai da chiarire e spiegare.

I conti in Svizzera? Esistono ma non sono direttamente collegabili al mio assistito”.

Riguardo al conto in Svizzera Sartor si è giustificato riferendo all’attività di procuratore per cercare giocatori in Cina attribuendo i suoi contatti con i “singaporesi” con la volontà di un gruppo asiatico di acquistare una società italiana di Lega Pro. Credibile? Lo stabiliranno i magistrati. Ma ora, nonostante la pausa negli interrogatori, Di Martino ed il gip Salvini non potranno certo regalarsi una vacanza: il fitto materiale offerto dagli interrogatori dovrà infatti essere esaminato senza contare ciò che ancora non è emerso, ovvero il nome della ventina di calciatori rivelati da Gervasoni che entreranno presto nel registro degli indagati. Sarà questa la prossima mossa “mediatica” dell’inchiesta, sicuramente nei primi giorni del 2012. Sembra certa la presenza degli ex grossetani Acerbis, Conteh, Joelson e Pellicori, tirati in ballo anche da Carobbio, ma girano con insistenza anche i nomi degli attuali giocatori del Modena Turati (anch’egli ex Grosseto) ed Armando Perna, con il quale il capitano degli emiliani si sarebbe anche incontrato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche