Come calcolare il rendimento a scadenza COMMENTA  

Come calcolare il rendimento a scadenza COMMENTA  

In questo articolo cercheremo di comprendere come calcolare il rendimento a scadenza. Prendiamo prima di tutto la data di acquisto e facciamo conto essere il 30 Aprile del 2012.

Il dato che ci serve subito dopo è invece la data di scadenza, ipotizziamo che sia il 30 Maggio del 2016, ossia, circa 4 anni dopo.

Il prezzo tel quel di questa ordinazione, ipotizziamo che sia di 102,50 euro. Il rimborso avviene in un’unica soluzione di scadenza ed è pari a 100 euro.

Ipotizziamo che questa obbligazione preveda 2 cedole all’anno ed abbia un TAN del 4×100. Come abbiamo già detto, il nostro obiettivo è il calcolo del tasso di rendimento effettivo a scadenza.

L'articolo prosegue subito dopo

Cerchiamo adesso di creare i dati di entrata e di uscita della nostra obbligazione. La data che abbiamo preso ad esempio è quella del 30/04/2012, prendiamo anche la data di stacco della prima cedola, ossia il 30/05/2012. Come è stato già detto, codesta obbligazione ha 2 cedole per anno, quindi la seconda sarà del 30/11/2012. Dobbiamo inserire , in pratica, tutte le date di scadenza, arrivando fino al 2016. Finita tale operazione, inserite a destra delle varie date i rispettivi flussi, prima di tutto il flusso di uscita. Se utilizzate il programma Excel, è necessario che almeno uno dei valori sia negativo. In questo caso, l’uscita per il cliente che acquista l’obbligazione, sarà il prezzo tel quel. Adesso è d’uopo inserire l’importo delle cedole, abbiamo detto che il TAN è il 4×100 che dovrà essere diviso per 2. A scadenza voi, ipotetici investitori, avrete 102 euro.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*