Caldo record in Pakistan, oltre 700 vittime COMMENTA  

Caldo record in Pakistan, oltre 700 vittime COMMENTA  

Terribile ondata di calore in Pakistan, dopo quella che il mese scorso ha colpito l’India centro settentrionale, bilancio di vittime che oggi sfiora le 700 unità, ed il caldo è destinato addirittura ad aumentare nei prossimi giorni.

Leggi anche: Caldo e sole anomalo per i prossimi 10 giorni: poi sarà Bianco Natale con neve su Alpi e Appennino

Il numero di morti a causa di questa tremenda ondata di calore è purtroppo destinato ad aumentare, così come le temperature, in quanto da Nord sta per arrivare il secondo round di questa temibile ondata di calore, forse più intensa di quella che lo scorso mese ha messo in ginocchio intere zone dell’India. Malgrado siamo in pieno periodo di monsoni, da Nord continua ad affluire aria bollente, nel fine settimana è addirittura probabile che le temperature sfiorino i 50/52°C in alcune zone densamente popolate, come la periferia della città di Karachi, l’area urbana dove si concentra il numero maggiore di vittime di questa ondata di calore, gli ospedali sono al collasso, manca l’acqua e la corrente elettrica.

Leggi anche: In arrivo i 40 gradi a Catania

Leggi anche

donald trump
Esteri

Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina

Donald Trump si muove, secondo alcuni, come l’elefante nel negozio di cristalli. Il nuovo presidente USA già al centro di un caso diplomatico. Il neo eletto 45 esimo presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha già fatto infuriare la Cina. Non ancora insediato alla Casa Bianca (lo sarà a partire dalla metà del prossimo mese di gennaio), il tycoon sembrerebbe essere incappato in una gaffe diplomatica. O forse, come evidenziano alcuni commentatori, non si è trattato di una gaffe, ma di un comportamento cercato e voluto: di una provocazione ai danni di Pechino. La questione è molto semplice. Donald Leggi tutto

1 Trackback & Pingback

  1. Caldo record in Pakistan, oltre 700 vittime | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*