Call center fantasma a Palermo COMMENTA  

Call center fantasma a Palermo COMMENTA  

 

Scoperto a Palermo un call center fantasma. I lavoratori erano pagati 2-3 euro all’ora, senza contratto, senza contributi. A scoprire i lavoratori in nero sono stati gli uomini della Guardia di finanza, Ispettorato provinciale del lavoro, Inps e Inail.

Leggi anche: Pensionato suicida dopo la perdita dei risparmi di una vita


In tutto sono trentasette i lavoratori, tra i 19 e i 50 anni, addetti alle vendite di depuratori d’acqua, con un fittizio contratto “a progetto”.

Il titolare del call center, avviato il 3 maggio dello scorso anno, ad ogni dipendente all’atto dell’assunzione in nero chiedeva che si procurasse una carta prepagata sulla quale poi, mensilmente, venivano versati gli stipendi in nero: intorno a 350 euro mensili.

Leggi anche: Camorra, 28 arresti tra cui imprenditori e politici


Gli accertamenti hanno permesso di ricostruire l’erogazione di somme per un ammontare superiore agli 80mila euro in sei mesi. 

 Questo sistema ha permesso all’imprenditore di aggirare i contratti nazionali di settore, risparmiando oltre 40mila euro, e di ottenere illeciti risparmi in termini di contribuzione assistenziale e previdenziale.

Per le 2.400 giornate lavorative ricostruite dagli uomini della Guardia di finanza il titolare avrebbe dovuto versare contributi pari a 20 mila euro. Adesso rischia sanzioni da72.725 a 644.330 euro.

Leggi anche

Bernardo Provenzano
Attualità

Lo stato confusionale di Provenzano. Quando il boss perse la lucidità

Provenzano: il boss di Cosa Nostra e lo stato confusionale causato dalla perdita di lucidità durante gli ultimi anni della sua vita Bernardo Prevenzano è decesso  oggi 13 luglio all'età di 83 anni. Il boss di Cosa Nostra è morto a causa del cancro alla vescia e alla prostata. Lo stato di salute di Provenzano si trovava gravemente danneggiato e infatti, nel 2001 scattarono l'allarmi per le condizioni di salute del boss. Provenzano soffriva spesso di perdita di lucidità e non sapeva perché ne come  fosse detenuto. Ogni tanto aveva anche episodi  di balbuzie. Furono le lettere scritte alla moglie a far capire alla Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*