Cambiamenti climatici: allarme per emissioni CO2 mai così elevate

News

Cambiamenti climatici: allarme per emissioni CO2 mai così elevate

Per la prima volta dall’inizio delle misurazioni, il livello delle emissioni di CO2 registrato lo scorso marzo si è mantenuto al di sopra della soglia delle 400 ppm (parti per milioni) per un mese intero.

A rendere note le rilevazioni è stato in questi giorni l’autorevole ente statunitense NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration).

Che il livello di concentrazioni in atmosfera raggiunga valori così elevati non è la prima volta: già nel 2012 e nel 2013, ad esempio, si sono misurate più di 400 ppm. Ma si è sempre trattato di episodi isolati sia dal punto di vista della durata temporale, sia da quello dell’estensione del territorio. Ora, invece, la situazione è molto diversa, perché il limite dei 400 è rimasto violato per l’intero mese di marzo 2015.

Le principali fonti scientifiche asseriscono che il livello di emissioni “naturale”, ovvero antecedente la rivoluzione industriale, sia inferiore a 300 ppm. Già agli inizi degli anni ottanta dello scorso secolo, le misurazioni indicavano una concentrazione di almeno 350 ppm.

Adesso, sembra siamo avviati verso un valore stabile di 400 ppm.

Il principale responsabile del fenomeno è ormai riconosciuto in modo unanime nell’uso indiscriminato dei carburanti di origine fossile, come il petrolio e il carbone.

Il principale fenomeno negativo indotto da concentrazioni di CO2 troppo elevate sono i cambiamenti climatici: la temperatura media del pianeta tende ad aumentare, aumenta di riflesso quella degli oceani, il cui livello, inoltre, si alza in conseguenza dello scioglimento dei ghiacciai.

I possibili scenari futuri sono catastrofici e c’è chi ha già provato a delinearli, come il giornalista Gwynne Dyer nel suo “Le guerre del clima” (ed. Tropea). Ciò che accomuna tutte le ipotesi è la totale ridefinizione, in peggio, dell’intero equilibrio geopolitico del pianeta.

I cambiamenti indotti sul clima sono realtà già allo stato attuale, secondo la stragrande maggioranza della comunità scientifica internazionale. Le vicende dell’ormai quasi asciutto lago Aral o l’abbassamento del livello del lago Vittoria e le recenti notizie sui fenomeni di siccità che sembrano aver colpito il fiume Colorado sono solo esempi.

O piccole anticipazioni di quello che ci potrebbe aspettare in futuro.

1 Trackback & Pingback

  1. Cambiamenti climatici: allarme per emissioni CO2 mai così elevate | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche