Campagna contro la Tortura: per l’Italia non è reato COMMENTA  

Campagna contro la Tortura: per l’Italia non è reato COMMENTA  

Sebbene l’Onu ed il diritto internazionale considerino la tortura un crimine, in Italia la nostra Costituzione tocca l’argomento solo nell’ art. 13 il quale recita:” va punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni della liberta” Detto in termini spiccioli, in assenza del crimine di tortura, il reato resta impunito.

Pazzesco constatare che la nostra Carta abbia previsto reati di tutti i tipi fuorchè quello della Tortura: uno dei pochi costituzionalmente necessari! Adesso è partita una campagna per introdurre il delitto nel nostro codice penale, ma in realtà  è un’iniziativa chr prende spunto da vecchia insistenze, ergo: ancora più scandaloso ed imbarazzante pensare che qualcuno abbia voluto ostacolarne il “civilissimo” percorso.

Percorriamo le tappe:  Il 4 Aprile 1989 a Palazzo Madama , il senatore Pci Nereo Battello depositò il primo disegno di legge volto ad introdurre nel codice penale il crimine di tortura;l’ultimo è stato depositato dal senatore Pd Pietro Marcenaro lo scorso 17 Aprile.

Nel 1984 la Convenzione delle Nazioni Unite definì la tortura , sia morale sia fisica, commessa da un pubblico ufficiale, per estorcere confessi0ni o a scopo puramente intimidatorio, un delitto sempre perseguibile di ufficio e non soggetto a prescrizione.

L'articolo prosegue subito dopo

Mentre gli Stati Uniti hanno  squarciato il velo dell’ipocrisia legalizzando il reato, L’Italia   in questi anni non ha mai approvato la legge anzi il reato “fantasma” continua  a consumarsi per mano dei  pubblici ufficiali,( gli stessi  che dovrebbero tutelarci), nelle celle italiane e fuori, in un clima di omertoso silenzio assenzo: basti pensare a Genova, ai No tav , al Diaz, a Sassari ecc. I promotori della campagna adesso chiedono fermamente di introdurre il crimine nell’ordinamento italiano, basterebbe infatti limitarsi a riprodurre la definizione del reato presente nel trattato Onu, aggiungendovi le sanzioni, la giurisdizione universale e la previsione di imprescrivibilità. Una buona parte dei nostri Senatori ha già firmato la proposta, adesso è necessaria la discussione e relativa approvazione affinchè quello che è stato taciuto dalla lacuna normativa , si trasformi in un atto di civiltà.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*