Camusso e Bonanni contro la apertura dei negozi sette giorni su sette COMMENTA  

Camusso e Bonanni contro la apertura dei negozi sette giorni su sette COMMENTA  

Susanna Camusso
Susanna Camusso

Si apre un nuovo fronte tra sindacati e governo. Per la precisione quello che prevede l’apertura degli esercizi commerciali sette giorni su sette. Sul tema, è intervenuta Susanna Camusso, che nella giornata di oggi, nell’ambito della giornata europea per le domeniche libere dal lavoro, si è recata al centro commerciale Cinecittà 2, ove era in corso un presidio dei sindacati del settore.

Leggi anche: Debutto in rosso per il titolo della Ferrari alla Borsa di Milano

La segretaria della CGIL, ha detto al proposito: “Il consumo non può essere l’unico modello di vita sociale. Per questo la domenica va preservata nel suo valore”. I negozi aperti la domenica non aiutano i consumi ma rendono più difficile la vita dei lavoratori”. Aggiungendo poi: “Le liberalizzazioni del commercio con l’apertura sette giorni su sette non determinano un aumento dei consumi, ma incidono sulle condizioni materiali di vita dei lavoratori, con turni sempre più massacranti, con una sempre maggiore richiesta di flessibilità, oltre che sui costi di gestione, Peraltro quello dei centri commerciali è un  modello di società che non ci convince, non può essere l’unico modello.

Leggi anche: Borse in rosso dopo il crollo dell’economia cinese

C’è un problema che riguarda la vita delle persone, il commercio non riguarda il servizi pubblici indispensabili, la vita non è fatta solo di consumi, anche perchè o comunque aumentano le retribuzioni, o i consumi con crescono”.
Alle sue parole, si sono poi aggiunte quelle di Raffaele Bonanni, della Cisl, per il quale bisognerebbe lasciare liberi i lavoratori di scegliere se lavorare o meno la domenica.

Bonanni ha inoltre affermato che la liberalizzazione degli orari nel commercio è una restrizione della libertà per chi non vuole lavorare anche la domenica. In effetti, sembra difficile dare torto ai sindacati, soprattutto considerando che una scelta come quella operata rischia di sovraccaricare gli operatori del settore e di favorire solo la grande distribuzione.

Leggi anche

Italia in bolletta: il 60% non paga il mutuo o l'affitto
Economia

Italia in bolletta: il 60% non paga il mutuo o l’affitto

In Italia aumentano le famiglie che non riescono a pagare la rata del mutuo e dell'affitto. Il numero di chi non arriva fine mese ha toccato il picco massimo degli ultimi 11 anni.   Circa il 5,4% delle famiglie italiane non paga regolarmente la rata del mutuo o la quota dell’affitto. Sempre più italiani  in `bolletta´, un valore che è cresciuto notevolmente e che nel 2015 ha raggiunto il livello massimo del decennio. Questi i risultati dell'indagine all'Istat sulle condizioni di vita, un indagine che evidenzia chiaramente che il 60% degli italiani fa fatica a effettuare regolarmente i pagamenti e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*