Candy Candy – Dolce Candy: sigla, personaggi, episodi più belli

Gossip e TV

Candy Candy – Dolce Candy: sigla, personaggi, episodi più belli

Candy Candy – Dolce Candy: sigla, personaggi, episodi più belli
Candy Candy – Dolce Candy: sigla, personaggi, episodi più belli

Lo stile artistico di “Georgie”, è inconfondibile. Ecco un altro cartone, un cult degli anni ’80, Candy Candy – Dolce Candy.

Come ogni manga che si rispetti, anche Candy Candy-Dolce Candy è un fumetto drammatico. La penna di Kyoko Mizuki e la matita di Yumino Igarashi, hanno reso possibile creare questa storia, pubblicata poi nel 1975.

Ne divenne anche una serie animata composta da 115 episodi nel 1976 e poi trasmessa anche in Italia nel 1980 in diverse reti locali per poi passare alla Mediaset dal 1989 fino al 1997, cambiando il titolo in Dolce Candy. La sigla del cartone animato viene cantata da Cristina D’Avena. Oltre al romanzo e al fumetto, viene dedicato anche alla realizzazione di due film “Candy – il film” e “Candy e Terence”, incentrata su una raccolta di episodi.

Candy Candy è ambientata agli inizi del Novecento. Due orfane, vengono accolte in un orfanotrofio, Casa di Pony, diretto da Miss Pony e Suor Maria.

Annie, la sua amica, viene adottata da una famiglia ricca. Sentendosi sola, un giorno sente il suono di una cornamusa che le tiene compagnia, e da lontano osserva un ragazzo che lo soprannomina Il Principe della Collina. La prova che non era un sogno, è la spilla con la lettera A che trova a terra, appartenente al Principe.

Presto viene adottata anche lei da una famiglia aristocratica, i Legan che hanno già due figli, Iriza e Neal, ma la figlia maggiore non accetta Candy come sorella e la tratta da serva. Casualmente scopre che il Principe è anche lui un aristocratico e quando viene adottata dalla sua famiglia, Anthony, il Principe della Collina, muore dopo una caduta da cavallo. Ritorna alla Casa di Pony per poi andare in collegio a Londra dove si innamora di Terence ma Candy incontrerà mille difficoltà prima che possa raggiungere la felicità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche