Cane in sala operatoria per salvare la padroncina COMMENTA  

Cane in sala operatoria per salvare la padroncina COMMENTA  

Kaelyn-Krawczyk-e-JJ2

Esistono cani speciali, ma questo terrier, chiamato JJ, lo è in particolare. La piccola Kaelyn Krawczyk ha soli sette anni ed è affetta da una malattia rara: la mastocitosi. La povera bambina, che abita nel Norh Carolina, viene colpita all’improvviso da violenti attacchi allergici e di asma che la mettono in serio pericolo di vita perché in alcuni momenti le viene meno il respiro. Il suo cane JJ è stato addestrato in modo da poter prevedere con anticipo i pericolosi attacchi e quindi scongiurare conseguenze letali. JJ si mette a girare in senso circolare quando la reazione della sua padroncina non è preoccupante, mentre abbaia quando la situazione è urgente e richiede un tempestivo intervento.


I medici della Duke University Medical Center hanno accettato che il piccolo terrier potesse assistere all’operazione chirurgica cui è stata sottoposta la padroncina. Per i dottori JJ è stata una rivelazione incredibile: è riuscito a prevedere ogni cambiamento fisico (persino la reazione della paziente all’iniezione di anestetico) della piccola Kaelyn in maniera precisa come il più sofisticato monitor o dispositivo in funzione nell’ospedale.

Insomma, il dottor Taicher non ha dubbi al riguardo: “Se avessimo avuto un copione da seguire, il cane lo avrebbe seguito alla lettera”. Questa tipologia di cani, in particolare, viene utilizzata nella rilevazione di parecchie patologie mediche.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*