Cani al guinzaglio, nuova ordinanza del Ministero della Salute

Animali

Cani al guinzaglio, nuova ordinanza del Ministero della Salute

Il Ministero della Salute ha emanato un’ordinanza per regolare il possesso e la conduzione degli amici a quattro zampe: guinzaglio corto, museruola, raccolta delle feci e padrone responsabile. Vediamola nel dettaglio. Nell’ordinanza ministeriale è previsto che il proprietario tenga sempre il cane al guinzaglio se si trova nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico.

Il guinzaglio non può essere più lungo di un metro e mezzo. Il padrone, inoltre, deve avere con sé una museruola morbida o rigida da far indossare all’animale se c’è il rischio che morda. E’ tenuto a raccogliere le deiezioni con mezzi idonei. Il conduttore del cane è anche responsabile del comportamento dell’animale: quindi gli animali potenzialmente aggressivi non possono essere affidati a minorenni.

In pratica, si tratta della medesima ordinanza emanata nel 2009. Trattandosi semplicemente di un’ordinanza, la norma fornisce indicazioni che, di fatto, potrebbero tradursi in nulla di concreto. Le disposizioni dovrebbero stabilire l’obbligo dell’applicazione pratica, pena una multa.

In molti sostengono che sarebbe necessario trasformare tale ordinanza in una legge vera e propria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche