Cani, ecco come reagisce il loro cervello quando sentono la nostra voce COMMENTA  

Cani, ecco come reagisce il loro cervello quando sentono la nostra voce COMMENTA  

DSC_1686-638x425

Sono tanti e tutti interessanti gli studi sul comportamento dei cani, i migliori amici dell’uomo. Un recente studio effettuato dai ricercatori della facoltà di Psicologia dell’Università del Sussex ha spiegato cosa succede al cervello di Fido quando ascolta la nostra voce. Chiunque abbia un cane asserisce di parlare con lui e di avere la percezione che questo capisca quello che gli viene detto. Il cervello dei cani ha in comune con il nostro il “bias emisferico”, ossia la divisione dei due emisferi, il destro ed il sinistro. Gli studiosi hanno cercato di capire se gli emisferi del cane siano in grado di far corrispondere una risposta fisica agli input ricevuti.

Davvero curioso ed interessante ciò che hanno scoperto: basterebbe seguire l’orientamento della testa dei nostri fedeli amici per capire quali dei due emisferi sta entrando in azione in quel momento. Per arrivare a tale risultato, gli studiosi hanno posizionato il cane in modo che potesse percepire lo stesso suono da entrambi i lati, ad esempio un comando pronunciato con il medesimo tono ed intensità. La parola “Andiamo”, che per questi animali ha un carico emotivo notevole, veniva percepita dall’emisfero destro, mentre il suono semplicemente fonetico da quello sinistro.

E’ possibile quindi concludere, dicono gli studiosi, che i cani reagiscono sia alle mere informazioni verbali che a quelle emotive con l’entrata in funzione di due differenti aree del cervello. Cioè, se gli pronunciamo la parola “Andiamo” senza alcun tono espressivo o la accompagniamo con un fischio Fido è capace di riconoscere la differenza.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*