Capelli …….cadono come foglie

Infanzia

Capelli …….cadono come foglie

nullDopo il parto è un evento normale e in questa stagione può peggiorare. Dieta equilibrata e prodotti specifici sono i rimedi migliori.
Se ti passi le mani nei capelli te ne accorgi subito: dopo il parto ne perdi di più. E’ una brutta sorpresa , perché il fenomeno sembra inarrestabile. Niente paura , però, non è una malattia ma un fatto molto comune, temporaneo e fortunatamente reversibile. In genere, entro due-tre mesi dal parto, i capelli iniziano a cadere abbondantemente. La perdita è generalizzata a tutto il cuoio capelluto, anche se di solito è più marcata intorno alla fronte, alle tempie e sulle sommità del capo. Se invece cadono a ciocche, lasciando scoperte alcune zone della testa , si tratta di un altro problema, da riferire al medico per individuarne la causa e curarlo subito. La caduta tipica del post parto è dovuta agli sconvolgimenti ormonali che si verificano durante la gravidanza e nel periodo immediatamente successivo.

Tutto dipende dal bulbo , il cuore vitale del capello , che attraversa tre fasi. La prima, detta “anagen” , dura dai 2 ai 5 anni: il bulbo è in piena attività e il capello cresce. Durante la fase successiva , “catagen”, l’attività rallenta e si interrompe del tutto nell’ultima fase , detta “telogen”. A questo punto il capello cade . Di norma , il 90% circa dei bulbi è in fase attiva e il 10% a riposo : ecco perché i capelli di solito cadono in piccole quantità. In gravidanza, invece, le fasi di attività del bulbo cambiano ritmo a causa del diverso equilibrio degli ormoni. La fase anagen si allunga e i bulbi in attività aumentano. In genere, dopo il parto , però, non più influenzati dagli ormoni , molte di queste strutture smettono di lavorare e i capelli cadono di più. Entro 5-6 mesi , l’attività dei bulbi torna ad essere regolare e i capelli ricrescono.

Se segui una dieta non equilibrata si vede subito sui capelli. Oltre a mangiare un po’ di tutto , dovresti cercare di no fare mancare mai proteine ,vitamine e Sali minerali. Le proteine aiutano la produzione delle cellule del fusto. Consuma quelle a elevato valore biologico che si trovano in carne, pesce, uova e latticini, e quelle vegetali nei legumi. Per le vitamine e i minerali l’ideale è consumare tanta frutta e verdura fresca, frutta secca ed essiccata (in piccole quantità perché molto calorica) e privilegiare tra i cereali quelli integrali.

Per non rischiare indebolimenti, cerca di proteggere i capelli con prodotti appositi. Fai impacchi con creme nutritive o applica con costanza fiale e sieri anti caduta. E approfitta di questi momenti per fare un massaggio del cuoio capelluto con un movimento circolare dei polpastrelli dalla nuca fino alla fronte, così si stimola la circolazione del sangue e, di conseguenza, l’apporto di principi nutritivi alla radice dei capelli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...