Capelli, gli errori da non fare quando si lavano COMMENTA  

Capelli, gli errori da non fare quando si lavano COMMENTA  

Errori-da-non-fare-quando-ti-lavi-i-capelli-638x425

Il lavaggio dei capelli spesso nasconde insidie che stressano i capelli anziché curarli. Utilizzare un pettine non adatto, applicare lo shampoo sbagliato, compiere movimenti errati sono comportamenti da evitare accuratamente se si desidera una capigliatura perfetta. Abbiamo stilato una lista di dieci errori che compromettono la buona riuscita e l’efficacia del lavaggio:

Sfregare i capelli: quando si procede con lo shampoo è necessario massaggiare la cute, cercando di non sfregare i capelli tra loro. Tale movimento spezza le punte e non ha alcun beneficio per la capigliatura;

Applicare lo shampoo al centro della testa: quando si lavano i capelli si deve partire dal di dietro della testa, e non da sopra. In questo modo la cute resta sempre sana e c’è minore rischio di perdere i capelli;

Usare l’acqua troppo calda: l’acqua calda è utile per far penetrare meglio lo shampoo nei capelli, ma è altrettanto utile effettuare l’ultimo risciacquo con l’acqua fredda, prima di passare all’asciugatura con il phon;

Shampoo troppo frequenti: si è portati erroneamente a pensare che lavare quotidianamente i capelli li renda più puliti. Al contrario, lavaggi troppo frequenti ingrassano di più i capelli e li indeboliscono;

Abusare dello shampoo secco: chi non ha tempo di lavare i capelli e utilizza lo shampoo secco deve sapere che questo deve rimanere un rimedio di emergenza, non è bene abusarne. La versione secca dello shampoo, anche se utile per mascherare il grasso, in realtà non riesce ad eliminare lo sporco dai capelli;

Scegliere lo shampoo in base al prezzo: la scelta di optare su prodotti low cost per risparmiare non è sempre la migliore. Spesso succede infatti che uno shampoo economico sia anche di scarsa qualità e quindi non faccia bene ai capelli. E’ invece opportuno scegliere prodotti che siano consigliati dal proprio parrucchiere, che oltretutto conosce bene la chioma e le sue caratteristiche;

Risciacquare in maniera approssimativa: il risciacquo dopo lo shampoo è un momento a cui prestare massima attenzione (invece spesso lo si sottovaluta). Con l’acqua si eliminano sporco ed impurità presenti nei capelli, e bisogna fare attenzione a togliere via i residui per avere capelli ben puliti e luminosi;

Applicare il balsamo alla radice: creme e balsamo dopo shampoo vanno applicati rigorosamente alle punte dei capelli, e non sulla radice (altrimenti la chioma sembrerà più sporca e pesante dopo poco tempo);

Applicare shampoo sui capelli umidi: lo shampoo va applicato solo sui capelli bagnati e non appena umidi, altrimenti il lavaggio non risulterà completo e i capelli saranno ancora sporchi;

Esagerare con le maschere: le maschere per capelli andrebbero applicate solo una volta alla settimana, altrimenti il rischio è di sensibilizzare eccessivamente la cute.

Leggi anche: Uomo armato prende 7 persone in ostaggio, paura a Parigi

Leggi anche

messaggio_ricevuto
News

3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia

Oggi si celebra il 23° “compleanno” degli sms. Infatti 23 anni fa, il 3 Dicembre 1992, veniva inviato il 1° messaggio della storia: “Merry Chrismas”, un auguro per il Natale ormai non troppo lontano. Lo spediva ad un collega un ingegnere inglese di nome Neil Papworth, che lavorava alla Vodafone. Ma non era ancora possibile inviarlo da un telefonino all’altro, così Papworth dovette usare il proprio personal computer. Si dovette attendere ancora un anno per fare altrimenti: lo fece un ragazzo finlandese, Riku Pihkonen, che era impegnato in uno stage alla Nokia. Il successo mondiale degli sms, in particolare tra gli adolescenti, si ebbe Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*