Capelli sconvolti?La verità sui trattamenti per capelli bizzarri COMMENTA  

Capelli sconvolti?La verità sui trattamenti per capelli bizzarri COMMENTA  

Ieri Michael Winner ha rivelato che si lava i capelli ogni giorno, con la birra. Il tricologo Philip Kingsley spiega se questo e altri trattamenti funzionano davvero.

Leggi anche: Shatush: prezzo completo


BIRRA
Si tratta di un metodo estremamente divecchio stile, ma quando il liquido evapora dai capelli quando si asciugano, un residuo di luppolo e orzo da birra rimane. Questo rivestimento dà ai capelli più corpo e peso, ma profumerete come una fabbrica di birra. E’ anche abbastanza costoso – anche se sono sicuro che Michael Winner se lo può permettere.

Leggi anche: Strobing per capelli corti: come si fa


ACQUA PIOVANA
L’acqua piovana è morbida, non ha la durezza come l’acqua del rubinetto in molte aree. Prima degli shampoo moderni, avrebbe aiutato i capelli a rimanere morbidi e lucenti. Ma ora lo shampoo funziona bene.


OLIO DI OLIVA
Ho paura che tutti gli oliveti situati in Italia non contrastano la secchezza a meno che non sia mescolato con acqua in un’emulsione cremosa, in modo che possa penetrare nei capelli e fare qualcosa di buono. L’olio d’oliva direttamente dalla bottiglia resterà sui capelli e farà sembrare che sei stato catturato in una tempesta di pioggia.

L'articolo prosegue subito dopo


ACETO
Lungi dal togliere il grasso, l’aceto lo elimina appena. Tuttavia, i capelli più acidi, sembrano più lisci, in modo che aiuta con la brillantezza. Ma, come con la birra, si avrà il problema di cattivi odori.

UOVA
La lecitina, una proteina nel tuorlo, ricopre i capelli, ma non penetra. Se la provate, non risciacquare con acqua calda.

MAIONESE
La combinazione di olio, acqua e cere nel prodotto significa che, teoricamente, si potrebbe contribuire a idratare le cellule dei capelli, anche se è probabilmente più costoso.

TE’ VERDE
Gli antiossidanti presenti nel tè possono aiutare a mantenere i capelli in buone condizioni, ma la sua prestazione più sorprendente è che può aiutare gli uomini a mantenere i loro capelli per un po’ più a lungo. Lo fa bloccando un enzima che aiuta a convertire l’ormone maschile testosterone in diidrotestosterone, una sostanza chimica che favorisce la perdita dei capelli.

SUCCO DI LIMONE
L’acido citrico del limone agisce come una candeggina per il colore dei capelli biondi. Ma nessun parrucchiere avrebbe usato limone per schiarire i capelli in quanto non si può controllare il livello di acido.

CAMOMILLA
Usato fin dai tempi degli antichi egizi, i coloranti naturali della camomilla trasforma i capelli, ma è impossibile controllare il risultato.

COCA-COLA
Questa funziona in misura tale che lascia un residuo che darebbe corpo e volume. Ma ancora rischia la viscosità e io non lo consiglio per cute sensibile.

BANANA
Non penetra nei capelli e, quindi, non avrà alcun effetto. Faresti molto meglio a mangiarla.

AMMORBIDENTE
I capelli non sono come il cotone, e non consiglierei di usarlo. Molte persone hanno una leggera allergia alle sostanze chimiche dell’ammorbidente, quindi usarlo sulla testa non è una buona idea.

VODKA
Come l’alcool puro, eliminerà l’olio dai capelli, ma questo tipo di alcol è igroscopico, il che significa che attira l’umidità. Anche se potrebbe rendere più puliti i capelli, li lascia disidratati.

Leggi anche

larry smith parkinson
Salute

Parkinson: malato prova la marijuana terapia. Un miracolo

La marijuana come terapia di alcune patologie. Emerge dai più rispettabili studi che il Thc,  il principio attivo delle foglie di cannabis,  rallenta o  arresta la progressione del Parkinson.   Un tipo di grave patologia che, lo ricordiamo, ancora non ha una cura efficace. La cannabis è una pianta davvero miracolosa creata da madre natura. Una serie di video mostra l'effetto straordinario della marijuana sul Parkinson. Un uomo uomo,  con il valido aiuto di un collega, prova la  marijuana medica per la prima volta. Con solo qualche goccia di olio di cannabis posizionata sotto la lingua, Larry che soffre di gravi Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*