Capo Verde: quando andare e come prenotare

Guide

Capo Verde: quando andare e come prenotare

Arcipelago

 

Come organizzare la propria vacanza e quando recarsi a Capo Verde: arcipelago dell’Oceano Atlantico situato a 600 Km dalla costa africana.

Capo Verde è costituito da un arcipelago di 10 isole di origine vulcanica; è uno Stato africano bagnato dall’Oceano Atlantico che propone paesaggi di diverso tipo, forma e colori: dalle spiagge alle montagne (il picco più alto, il Pico do Fogo, arriva a 2.829 metri), dal deserto alla vallata di Santo Antao. Turismo naturalistico e turismo culturale, Mindelo e Praia ad esempio sono due bellissime città coloniali, si incontrano in questo meraviglioso arcipelago, il quale incrementa di anno in anno il numero di turisti.

Il clima di Capo Verde si può considerare tropicale secco, la temperatura media è di 25°. L’arcipelago si divide in due zone: quella a nord, Barlavento: isole desertiche con un clima più arido, e quella a sud chiamata Sotavento, con un clima semi desertico e più piovoso.

Da luglio a novembre il clima è molto caldo e afoso, per diventare più temperato e secco da dicembre a giugno, periodo nel quale soffiano spesso i venti alisei.

I mesi invernali, da gennaio a marzo, sono i mesi più freschi, in cui le temperature variano dai 23° ai 25°, di giorno, secondo la zona. Il periodo, tuttavia, ideale per viaggiare a Capo Verde comprende maggio, giugno e novembre: per evitare il caldo afoso e mesi piovosi come agosto, ottobre e, qualche volta, luglio.

Differenti sono i modi per organizzare il proprio viaggio a Capo Verde: tramite un’agenzia di viaggi che vi organizzerà dall’Italia pernottamento, volo e spostamenti o in un’agenzia in loco, in cui potrete recarvi una volta arrivati a destinazione oppure contattandoli dall’Italia; un’altra opzione è quella di comprare il biglietto aereo e sceglier il proprio alloggio in un sito come expedia, edreams ecc…

Capo Sud è dotata di moltissime strutture differenti: dagli hotel di lusso più internazionali, a resort o villaggi turistici, in un’offerta che accomoderà un po’ tutte le tasche; ricordiamo anche la possibilità di alloggiare nelle pousadas: pensioni dall’accoglienza più famigliare che vi permetteranno di entrare più in contatto con la cultura del luogo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*