Cappelli Carhartt: guida completa all’acquisto

Moda

Cappelli Carhartt: guida completa all’acquisto

Cappelli Carhartt

Nella nostra guida di oggi vi elenchiamo i migliori modelli di cappelli del colosso Carhartt, disponibili alla vendita su Amazon con differenti prezzi di vendita.

Il cappelli Carhartt sono tra gli accessori adatti sia al pubblico maschile che a quello femminile, che certamente non passa mai di moda e che rispecchia la personalità di ogni individuo, da abbinare con il proprio vestiario. Quindi proprio per questo motivo è consigliabile scegliere un modello che si adatti alla propria personalità, quindi in questa guida cercheremo di scegliere il modello più adatto, con tutte le novità del settore.

Cappelli Carhartt

Per scegliere un ottimo modello di cappello adatto alla propria personalità, è consigliabile tenere in considerazione alcuni parametri fondamentali, proprio come la proporzione tra l’altezza e la grandezza della cupola e la larghezza della falda che devono essere adeguate alla dimensione e alla forma del proprio viso, che sicuramente varia da individuo a individuo.

Il cappello copre le teste degli uomini sin da tempi antichi. La sua funzione principale, è quella di proteggere la propria testa, e con il passare del tempo ha assunto in tutte le epoche anche un ruolo di prestigio, di autorità, di posizione sociale.

I vari tipi di Cappelli

In linea generale, sembra che il cappello ci faccia apparire più alti e soprattutto importanti.

Ed è proprio per questo motivo che nelle cerimonie o durante la presenza di persone importanti, per educazione bisogna scoprire la propria testa.

Con il passare del tempo, il cappello ha perduto parte della sua importanza, anche se con il seguire della moda, oggi è tornato a svolgere preminentemente la sua naturale funzione di coprire e proteggere il capo dal freddo, dal caldo eccessivo o dalla pioggia, praticamente per tutte le stagioni dell’anno. Infatti esistono modelli di cappelli per le fredde stagioni invernali, così come anche per l’estate (ovviamente variano i materiali).

Nell’epoca moderna, il tipo di cappello utilizzato nel nuovo modo di vestire nato nel ‘700 è il famoso cilindro. Inizialmente era realizzato con un corpo centrale non troppo alto, adottato inizialmente dagli inglesi. Successivamente si diffuse ben presto anche negli altri paesi europei, e dopo la Rivoluzione francese conobbe diverse variazioni, sia in altezza che nel colore che nel proprio stile generale.

La moda si rivoluzionò con l’entrata della bombetta, anch’essa rigida come il cilindro, ma con un’aspetto più basso ed un corpo centrale più rotondeggiante.

La bombetta rimase in commercio fino alla prima guerra mondiale, dopodiché cominciò a diffondersi la moda dei più pratici cappelli morbidi di feltro, utilizzati dalla maggior parte della gente per le normali attività lavorative come la caccia, campagna ecc.

Dimensione del viso

Durante la fase di acquisto di un ottimo cappello, la prima cosa da comprendere è che non tutti i modelli di cappelli stanno bene a tutti. Quindi come prima cosa bisognerebbe provarne diversi prima di scegliere il cappello da indossare. Ad esempio per quanto riguarda il pubblico maschile con il volto rotondo o con la barba, è consigliare optare su cappelli più ampi rispetto a persone col volto più sottile.

La cupola centrale deve essere proporzionata alle dimensioni del viso, e le sue dimensioni dovrebbero equivalere alla distanza dalla punta del mento fino alla metà della fronte; questo perché di solito il cappello viene calato fino a coprire metà della fronte.

Seguendo le linee guida appena descritte, vi sarà una gradevole simmetria tra l’altezza del corpo centrale del cappello e la parte del volto che sporge in fuori.

La larghezza del cappello deve essere della circonferenza del capo, ma va considerato il punto esatto dove lo si vuole calare, ed è opportuno tenere presente, nell’acquisto di un cappello morbido, che con il tempo tende a restringersi.

Dimensioni e Proporzioni

Le sue dimensioni devono equivalere alla distanza tra la punta del mento e metà della fronte. Se avete un viso più rotondo è consigliabile acquistare un cappello più ampio rispetto ad una persona col volto più sottile.

La proporzione del cappello deve essere in armonia con la propria corporatura. Quindi ad esempio se avete un’altezza bassa, è sconsigliabile acquistare modelli di cappelli dalle falde troppo larghe ma preferite berretti, coppole, baschi, oppure il classico borsalino a falda stretta. Per quanto riguarda gli uomini alti invece, è consigliabile optare modelli di cappelli larghi.

Anche l’aspetto dei capelli e lo stile, influiscono sulla scelta di un determinato modello di cappello.

Infatti se avete capelli ricci, sono consigliabili cappelli ampi, in modo da dare spazio alla propria testa.

Il modello più utilizzato è il classico berretto con visiera, un modello morbido di stoffa, che fece la sua comparsa all’inizio del ‘900, parallelamente alla diffusione dell’automobile. Oggi è ancora utilizzato sia come cappello sportivo sia con l’abbigliamento casual.

Materiali

  • Feltro;
  • Tessuto generico;
  • Pelliccia (vera o sintetica);
  • Pelle-eco pelle.

Tra i materiali per cappelli il migliore è il feltro, ovvero un materiale costituito con peli animali e di fibre naturali che, tramite varie lavorazioni come le manipolazioni di pressatura e con l’azione del vapore, acquista una consistenza tale che lo rende abbastanza robusto e resistente. Per queste sue caratteristiche il feltro si presenta come un materiale del tutto resistente, e soprattutto dotato di una buona impermeabilità e leggerezza.

Un cappello di feltro di qualità presenta un nastro all’interno della cupola, che può essere di stoffa (per le stagioni estive), oppure di cuoio (per le stagioni invernali). Passando alla parte esterna invece, troviamo un nastro alla base della cupola, che in genere può essere realizzato in seta pesante.

Nei cappelli invernali la parte interna della cupola è foderata con una stoffa cucita a mano.

Il tessuto generico è utilizzato su modelli di cappelli per le stagioni estive-invernali, e fanno la loro comparsa nel Neolitico. Infatti i tessuti nel Neolitico erano confezionati con lino o altre fibre vegetali, e successivamente con l’introduzione dell’allevamento si cominciarono ad utilizzare fibre animali come la lana e la seta.

La pelliccia può essere di due tipi: quella vera o sintetica. Principalmente questi tipi di materiali provengono da animali che hanno il pelo abbondante e morbido. Infatti il pelo ha la capacità di trattenere tutta l’aria, che isola il corpo dalle temperature rigide. Il valore commerciale di una pelliccia varia a seconda dei seguenti fattori, come la moda del momento, il valore convenzionale, lo spessore del pelo, la lucentezza, la leggerezza e la morbidezza. Ad esempio le pellicce ecologiche sono preferite dal pubblico giovane.

La pelle o eco-pelle provengono dall’Europa o dagli altri continenti, disponibili con diversi valori commerciali.

Diversi animali forniscono pelli idonee ad essere usate per abbigliamento, arredamento, calzature o per la produzione di articoli di piccola pelletteria. Quindi è utilizzata nella maggior parte dei settori, ed è valutata sulla base della permeabilità all’aria e al sudore che gli conferisce un alto valore di igiene. L’eco-pelle è un tessuto che ha l’aspetto della pelle ma non è realizzato con materiale animale. (eco=ecologia).

Colore

La scelta del colore è un fattore molto importante, proprio per scegliere un perfetto abbinamento con il proprio vestiario.

Il cappello deve essere dello stesso colore dell’abito, oppure metterlo a contrasto, soprattutto se utilizzate abiti a fantasia, con un mix di colorazioni che variano in base ai propri gusti, scegliendo magari delle scarpe e vari accessori della stessa tinta.

Anche la scelta del materiale migliore ricade sulla scelta di un determinato modello, che rende il cappello robusto, resistente nel tempo, leggero ed impermeabile durante il proprio utilizzo. I cappelli di qualità maggiori si contraddistinguono per un nastro all’interno della cupola, ed è proprio da questo parametro che possiamo capire se si tratta di un cappello estivo (con apposito nastro in stoffa) o invernale (con nastro di materiale pesante come il cuoio).

Cura del cappello

Anche il cappello deve essere sempre al top di gamma, ed è per questo motivo che dobbiamo impegnare un minimo di tempo per la cura del proprio materiale. Ad esempio il cappello di feltro andrebbe spazzolato ogni tanto, e per una pulitura extra è consigliabile trattarlo delicatamente con del vapore. Per quanto riguarda il cappello bagnato dalla pioggia, è necessario aspettare prima che si asciughi completamente, per poi passare una passata di spazzola (non fatelo asciugare vicino ad una fonte di calore).

Per rinnovare il cappello di feltro è consigliabile applicare il vapore, un sistema davvero molto efficace. In questo caso il vapore rinnova il feltro in maniera sorprendente; è necessario far assorbire al cappello un po’ di vapore e poi modellarlo delicatamente.

Migliori modelli

Ecco i migliori modelli di Cappelli Carhartt realizzati dall’azienda e disponibili alla vendita, elencando tutte le novità ed i prezzi in base alle relative fasce di prezzo.

Naturalmente negli ultimi anni le varie aziende del settore, hanno proposto e continuano a proporre sul mercato numerosi tipi di Cappelli. Nell’elenco che seguirà, vi proporremo una selezione di vari modelli di Cappelli di casa Carhartt, che secondo il nostro punto di vista è consigliabile acquistare per ragioni diverse, tenendo in considerazione i vari parametri fondamentali: costo più contenuto, rapporto qualità/prezzo e materiali utilizzati.

Quindi cercheremo di individuare il modello che meglio si adatta alle proprie esigenze, partendo ovviamente dall’utilizzo e al proprio budget di partenza, in quanto sono presenti davvero tanti modelli, ognuno con il suo prezzo di vendita. Ogni modello presenta vari dettagli, come il tipo di tessuto utilizzato, lo stile ed il modello adatto.

Modello inferiore a 20 euro

Cappelli Carhartt Acrylic

Classico modello di cappello per le fredde giornate invernali, disponibile alla vendita con tantissime colorazioni. E’ realizzato con materiali sintetici (100% Acrilico), dalla dimensione di taglia unica.

Modelli tra 20 e 30 euro

Cappelli Carhartt Buffalo

Il modlelo Buffalo si presenta con ottimi materiali di utilizzo (100% Cotone), perfetto per le stagioni primavera/estate. E’ dotato di un’apposita visiera, mentre nella parte posteriore è presente una tela traspirante, proprio per le calde giornate della stagione.

Cappelli Carhartt Odessa

Bellissimo modello di cappello di casa Carhartt con apposita visiera. Il cappello è realizzato con 100% Cotone, disponibile su Amazon nelle varie colorazioni, in base al proprio gusto di ogni individuo.

Cappelli Carhartt Short Watch Unisex

Cappello Unisex, realizzato con materiale sintetico (100% Acrilico), disponibile nella taglia unica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche