Carabinieri smentiscono la polizia irachena : “Gli arrestati non hanno a che fare con Nassiriya” COMMENTA  

Carabinieri smentiscono la polizia irachena : “Gli arrestati non hanno a che fare con Nassiriya” COMMENTA  

Secondo quanto si è appreso da fonti qualificate, le sette persone arrestate nelle ultime ore in Iraq, accusate di far parte della cellula terroristica che aveva eseguito l’attentato contro la base italiana di Nassiriya, non sarebbero coinvolte nella strage del 12 novembre 2003.  I responsabili dell’attentato, viene ribadito, sono stati già individuati in seguito agli accertamenti dei carabinieri del Ros e sono tutti già deceduti.


In base agli elementi raccolti dal Ros nel corso di ripetute missioni in Iraq, il 29 gennaio 2007 il gip del Tribunale di Roma emise un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Al Kurdi, luogotenente dell’allora leader di Al Qaida in Iraq Abu Mussab Al Zarqawi, per strage aggravata dalla finalità di terrorismo.

Tuttavia l’uomo nel luglio dello stesso anno fu impiccato in Iraq in seguito alla condanna emessa dall’autorità giudiziaria irachena per aver partecipato a numerosi attentati (36 quelli che ha confessato), tra cui quello ai danni dei militari e civili italiani.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*