Carletto il Principe dei mostri: uno dei cartoni più amati COMMENTA  

Carletto il Principe dei mostri: uno dei cartoni più amati COMMENTA  

Il cartone animato giapponese Kaibutsu-kun, diventato in italiano Carletto il principe dei mostri, uno dei più amati dai bambini, è tratto dall’omonimo manga di una nota coppia di artisti che utilizzò lo pseudonimo Fujiko Fujio e produsse anche il manga Doraemon. Carletto venne pubblicato su una rivista dal gennaio 1965 al maggio 1969 e nel 1968 ne fu tratta una prima serie anime in bianco e nero composta da 50 episodi e mai uscita in Italia. Nel 1980 ne fu prodotta un’altra a colori, formata da 94 episodi di 20 minuti, arrivata nel nostro Paese nel 1983 con il titolo Carletto il principe dei mostri su Italia 1 e successivamente trasmessa su reti regionali. Dal 2009 c’è anche il DVD, con un totale di 44 episodi: si tratta di un’ edizione trasmessa più volte in TV su vari canali digitali e satellitari. Nel 2010 è uscita in Giappone una serie televisiva (diorama) in  10 puntate, conosciuta con il titolo internazionale di Monster, ed un film in 3D distribuito nel 2011.


La trama del cartone animato? Il piccolo Carletto è appunto il Principe di un Paese di mostri chiamato Mostrilandia, ma per avere una vita un po’ tranquilla, decide di trasferirsi sulla Terra e precisamente a Tokyo con i tre suoi aiutanti: Conte Dracula, Frank e Uomo Lupo.

Fa presto amicizia con Hiroshi, un bambino che vive con sua sorella Sis in un piccolo appartamento situato vicino alla vecchia casa dei mostri. Carletto ha occasione di conoscerne di buoni e di cattivi, oltre che di diventare amico degli uomini, in più deve aiutare Hiroshi a rendere più felice sua sorella.

Nel corso della serie i mostri buoni aiuteranno gli esseri umani a sconfiggere i mostri cattivi per la salvezza del mondo. Carletto il principe dei mostri è dunque uno dei cartoni animati in cui vi sono creature “extraterrestri” che minacciano o vogliono salvare la Terra, amiche o nemiche dell’uomo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*