Caso Lucarelli-Belen, il Codacons denuncia il Ricci: “Clienti cacciati senza giusta causa” COMMENTA  

Caso Lucarelli-Belen, il Codacons denuncia il Ricci: “Clienti cacciati senza giusta causa” COMMENTA  

Dopo il racconto di Selvaggia Lucarelli pubblicato questa mattina su Facebook, il Codacons ha denunciato i gestori del ristorante “Ricci” di Milano perché considerato illegittimo allontanare clienti senza giusta causa. Una vera e propria tegola che si abbatte sul locale gestito da Belen Rodriguez e Joe Bastianich perché il Codacons ha presentato un esposto alla Guardia di Finanza contro il locale perché è stato violato l’art.187 del Tulps, il Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza. Si tratta di una violazione delle norme sull’accesso dei clienti ai pubblici esercizi.


Selvaggia Lucarelli ha raccontato il retroscena dietro il famoso “selfie della pace” tra lei e Gianni Morandi. I due si erano incontrati al “Ricci” per un caffè, ma sono stati allontanati da una cameriera perché, come avrebbe riferito la cameriera, “la signora non è gradita in questo locale”. Una decisione che sarebbe stata presa sulla base di una forte antipatia che Belen Rodriguez nutrirebbe nei confronti della giornalista e blogger de Il Fatto Quotidiano.

Ma allontanare un cliente senza giusta causa, è fuori legge. Ecco cosa dice il testo dell’art.187: “Salvo quanto dispongono gli articoli 689 e 691 del codice penale, gli esercenti non possono, senza un legittimo motivo, rifiutare le prestazioni del proprio esercizio a chiunque le domandi e ne corrisponda il prezzo.

Le violazioni, ai sensi dell’art. 221/bis, comma 1 del TULPS, sono soggette alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 516,00 a euro 3.096,00.”

Qualora dovessero accertarsi i fatti, la soddisfazione di aver cacciato Selvaggia Lucarelli dal “Ricci” potrebbe costare cara.

L'articolo prosegue subito dopo

Il Codacons ha, per questo motivo, sporto denuncia alla GdF, chiedendo di accertare i fatti. In caso di violazione delle norme, eleverà sanzione nei confronti del ristorante.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*