Caso Musella: l’autopsia rivela che è stato un infarto fulminante COMMENTA  

Caso Musella: l’autopsia rivela che è stato un infarto fulminante COMMENTA  

L’ex calciatore Gaetano Napoli Musella, è stato trovato morto il 1 ottobre su una scogliera in Filanese, è morto a causa di un infarto fulminante, secondo le analisi dell’autopsia portate dall’anatomopatologo Marco Canepa.


Secondo il medico legale, Musella è morto immediatamente. L’infarto ha infettato una grande parte del cuore. Il medico legale ha escluso la violenza. I membri della famiglia hanno provato alcuni giorni fa a contattare il loro amato, che aveva accusato di disturbi cardiaci che ha fatto sospettare l’incipienza di attacco di cuore.


Un turista tedesco ha trovato il corpo lungo un sentiero tra Finale Ligure e Borgio Verezzi a Caprazoppa, da Aurelia un sentiero che porta al mare in una piccola zona visibile dalla strada.


Lui era sdraiato sul terreno, vestito per il mare, con gli slip, ma senza il costume, in quanto aveva intenzione di fare un bagno. Musella, di 53 anni, è padre di due bambini, aveva aperto una agenzia di scommesse a Posillipo.

L'articolo prosegue subito dopo

I suoi fans lo ricordano per il 2- 2 tra Napoli – Genoa nel maggio 1982. La partita ha portato alla salvezza del Genoa e il Milan in Serie B.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*