Cassa integrazione: oltre un milione di ore autorizzate nel mese di giugno

Attualità

Cassa integrazione: oltre un milione di ore autorizzate nel mese di giugno

Un quadro complessivamente peggiorativo rispetto al mese di maggio, ancora più negativo rispetto alla situazione di un anno fa. Secondo l’analisi fatta dal Centro Studi di Confindustria Cuneo, relativamente ai dati diffusi dall’Inps delle ore di cassa integrazione guadagni del mese di giugno in provincia di Cuneo, la situazione generale presenta ancora molte ombre. Nel ramo industria, in particolare, a fronte di un trend positivo per i settori della meccanica, della lavorazione di minerali non metalliferi, della carta, grafica ed editoria e dell’alimentare, si registra un netto peggioramento nella chimica, nella gomma e materie plastiche, mentre nel tessile, nei trasporti e comunicazioni e nella metallurgia la situazione continua ad essere difficile.


Secondo i dati diffusi dall’Inps, nel mese di giugno 2012 le ore di Cig complessivamente autorizzate nel ramo industria in provincia di Cuneo sono state circa 1,1 milioni, in crescita del 60,2% su maggio (703mila). Rispetto a giugno 2011 (377mila) risultano salite del 198,9%. Il dato totale gennaio-giugno indica una variazione tendenziale rispetto all’analogo periodo del 2011 del +6,9%.
La Cigo, con 674mila ore, sale del 25,1% rispetto alle 539mila di maggio. Raffrontando il dato con quello di giugno 2011 (250mila ore), si ha un innalzamento delle ore di Cigo del 169,3%, mentre per il periodo gennaio-giugno la variazione tendenziale è del +120,4% (da 1,2 milioni a 2,6 milioni).
Anche gli interventi straordinari crescono in modo consistente: pari a 140 mila ore a maggio, salgono del 218,9% portandosi a 447 mila ore. Risultano, inoltre, in aumento del 472,9% anche in confronto allo scorso mese di giugno (78mila ore). Nei primi sei mesi dell’anno, a livello cumulativo, la Cigs risulta tuttavia inferiore del 48,3% rispetto all’analogo semestre del 2011.

La cassa in deroga, con circa 5mila ore, subisce un decremento dell’80,6% rispetto al mese scorso (24mila ore). Scende invece del 90,3% rispetto a giugno 2011 e del 31,5% a livello cumulativo nel periodo gennaio-giugno (da 74mila a 516 mila ore).
Tra i settori industriali, negli ultimi sei mesi, rispetto all’analogo periodo dello scorso anno, gli interventi di Cig sono scesi in maniera più rilevante nella carta, grafica ed editoria, nell’alimentare e nella meccanica. Le ore autorizzate di Cig sono infatti scese da 334.129 a 64.780 (-80,6%) nella carta, stampa ed editoria; da 186.337 a 64.693 (-65,3%) nell’alimentare e da 1.604.546 a 741.866 (-53,8%) nella meccanica.

Al contrario, si registra un netto peggioramento nella chimica, gomma e materie plastiche e nella metallurgia. Negli ultimi sei mesi le ore di Cig sono, infatti, salite del 396,3% nella chimica e materie plastiche (da 367.233 a 1.822.704 ore). Nella metallurgia la variazione è pari al +105,8% (da 96.775 a 199.160 ore) Sale il ricorso ai trattamenti di integrazione salariale anche nel legno (+22,6% da 155.097 a 190.133 ore), nel tessile (+13%, da 109.061 a 123.189 ore) e nei trasporti e comunicazioni (+77,1%, da 61.647 a 109.178 ore).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...