Cassano ci ricasca: aggredita una giornalista ed un cameraman COMMENTA  

Cassano ci ricasca: aggredita una giornalista ed un cameraman COMMENTA  

Astinenza da campo? O nervosismo causato dal possibile arrivo di Tevez? Fatto sta che Antonio Cassano è tornato a far parlare di sé anche senza scendere in campo, e purtroppo non in termini encomiastici. L’attaccante di Milan e Nazionale infatti ha aggredito nella mattinata di lunedì una giornalista, Jessica Nicolini, ed un cameraman dell’emittente genovese Telenord. Il fatto è successo in strada, di fronte ad un bar di Genova Quinto: Cassano, in attesa di poter riprendere a pieno ritmo gli allenamenti dopo l’intervento al cuore dello scorso 3 novembre, è rientrato nel capoluogo ligure per trascorrere le festività insieme alla moglie, al figlio ed alla madre.

Leggi anche: Zidane in finale di Champions: contento di tornare in Italia


Ignote le motivazioni dell’aggressione, che, in base alle testimonianze delle due vittime, sarebbe stata sia verbale che fisica (spinte). Il giocatore è parso infastidito dalla presenza delle telecamere ma sembra essere rimasto vittima di un malinteso: la troupe infatti stava lavorando ad alcune interviste riguardo alle prossime elezioni comunali della primavera 2012 e non era interessata a riprendere Cassano ma neppure le precisazioni dei giornalisti sono servite a far calmare FantAntonio.

Leggi anche: Verso Bayern Monaco-Juventus: le probabili formazioni

Anzi, a servizio finito, quando la giornalista ed il cameraman stavano riponendo la telecamera, sono stati avvicinati da Cassano che ha minacciato l’operatore (“ti spacco la faccia”). Un brutto episodio che macchia la fedina penale di Cassano, a secco di “cassanate” da quando era passato al Milan negli ultimi giorni del 2010, nonchè un episodio reso ancor più grave dalla presenza del figlio che, per fortuna, è ancora troppo piccolo per comprendere cert scatti del papà.

Leggi anche

Il presidente del Coni Giovanni Malagò
Sport

Calcio. Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln

Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln   Ammonta a 4,5 milioni di euro il taglio che il CONI ha deciso per contributi annuali alla Figc. Da 37,5 mln, si passa a 33 per l'anno 2017. E' quanto si é appreso al termine della riunione sui contributi che il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha tenuto oggi con i presidenti federali. Su 44 federazioni coinvolte, l'unica a presentare segno meno è proprio la Figc. Per altre 13 contributi invariati, mentre 30 ottengono un aumento. Tra queste, le più premiate sono quelle che hanno portato maggiori risultati a livello olimpico: nuoto, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*