Cassilis la città fantasma autraliana COMMENTA  

Cassilis la città fantasma autraliana COMMENTA  

cassilis

Cassilis: la città fantasma australiana fu la meta dei cacciatori d’oro alla fine del XIX secolo.

cassilis

Cassilis è una delle città fantasma più famose dell’Australia, e si trova a Gippsland, Victoria. Durante la fine del ‘800 fu un centro minerario importante, giacché questa zona era molto  ricca d’oro. Così gli avventurosi  alla caccia di questo metallo prezioso si recavano in questa città cercando fortuna, ricchezza ed oro, tanto oro.  Long Cully fu un dei primi centri dove si scoprirono le prime pepite d’oro nel 1889. Presto  cominciarono ad aprire attività commerciali nella città. Una farmacia, una drogheria, un magazzino persino la scuola, dove i figli de minierai potevano formarsi. Man mano il tempo passava, la città aumentava, fino ad essere uno dei nuclei urbani più importante della zona. Diventò una zona così ricca ed importante, che la prima centrale idroelettrica  fu fondata  presso le cascate della zona.


Cassilis fu così un centro d’avanguardia  e progresso  durante la metà del XX secolo, ma con l’arrivo della Prima guerra  mondiale tutto si fermò. L’oro andò perduto e le miniere si chiusero definitivamente, provocando il declino assoluto della città. Nel 1939 numerosi edifici e case furono demoliti, e così gran parte della città fu distrutta. Attualmente rimane poco o niente: solo le miniere, che adesso sono un’attrazione per i turisti. Al momento Cassilis è uno dei luoghi abbandonati più affascinanti dell’Australia.


1 / 4
1 / 4
Il bosco di Cassilis
vecchio albergo Cassilis
vecchi attrezzi nel bosco Cassilis
Cassilis durante il secolo XX

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*