Catalogna, Artur Mas indagato per disobbedienza - Notizie.it

Catalogna, Artur Mas indagato per disobbedienza

News

Catalogna, Artur Mas indagato per disobbedienza

Dopo il risultato delle elezioni regionali di domenica, trasformate in referendum di fatto, è arrivata dalla Spagna la notizia che il presidente catalano uscente e riconfermato Artur Mas sarebbe indagato dalla giustizia spagnola per il reato di disobbedienza.

L’accusa, però, non è relativa alla recente consultazione elettorale, ma a un referendum tenutosi l’anno scorso, per il quale Madrid aveva negato l’autorizzazione e che il governo locale aveva deciso di mantenere con il solo valore consultivo.

“È una persecuzione politica delle istituzioni spagnole” è stato il commento a caldo da parte del capogruppo parlamentare di Convergencia, Pere Macias “cercare di disarcionare chi ha vinto alle urne con questi metodi non dà l’immagine di una democrazia di qualità”. Riferendosi poi al referendum incriminato, evidenziandone l’ampia adesione, Macias ha aggiunto che “tutti i partecipanti al voto dovrebbero essere anche loro dichiarati imputati dalla giustizia spagnola”.

I tempi dell’entrata in scena della giustizia spagnola risultano quanto meno sospetti, perché è chiaro che l’incriminazione del presidente Artur Mas rientra alla perfezione nella definizione degli atti unilaterali di Madrid tanto detestati in Catalogna.

Non è azzardato ipotizzare che un’eventuale collocazione prima delle elezioni avrebbe senz’altro convinto qualche catalano in più al voto a favore dell’indipendenza e, visti i risultati (il fronte secessionista Junts pel Sì ha raggiunto il 47,8% del totale dei voti), lo spostamento anche solo di pochi voti si sarebbe potuto rivelare decisivo.

Madrid, scampato il pericolo di un vero e proprio plebiscito a favore dell’indipendenza della Catalogna, ora dovrà affrontare la battaglia dei separatisti, forti della maggioranza parlamentare, ma non di quella popolare, perciò, d’ora in avanti, la battaglia si svolgerà tutta su un piano politico.

Da una parte, Artur Mas cercherà di portare avanti il suo programma di indipendenza, con ogni probabilità trasformandolo in obiettivi legati a maggiori autonomia e privilegi.

Dall’altra, Madrid spingerà per mantenere lo status quo o, al massimo, accorderà concessioni forse eclatanti, ma di scarso valore pratico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche