Catania, i carabinieri chiudono una casa a ‘luci rosse’ gestita da cinesi

Catania

Catania, i carabinieri chiudono una casa a ‘luci rosse’ gestita da cinesi

Scoperta dai carabinieri di Catania, una casa d’appuntamenti presso la Via Giordano Bruno, a Catania, considerata la ‘China Town’ etnea. Dopo che numerose segnalazioni alle forze dell’ordine si sono susseguite negli ultimi mesi, i carabinieri hanno deciso di entrare in azione, facendo le opportune verifiche.

Eseguiti numerosi appostamenti da parte delle forze dell’ordine, che hanno notato un viavai di persone, quasi tutti maschi di ogni età, presso il civico 102, che li ha insospettiti. Per questo motivo i carabinieri hanno fatto irruzione presso la casa di appuntamenti dove è stata rinvenuta la presenza di due donne cinesi seminude, e della titolare dell’attività a luci rosse, oltre che la presenza di coloro che beneficiavano delle prestazioni sessuali.

Gli stessi hanno confessato di essersi recati sul posto in risposta ad un annuncio pubblicato su siti on line, dove venivano garantiti massaggi ‘particolari’, che si sostanziavano in vere e proprie prestazioni sessuali, per un importo che si aggirava attorno ai 50 euro a prestazione.