Catania: licenziati 300 dipendenti della Inlinea, l’azienda non ha versato i contributi COMMENTA  

Catania: licenziati 300 dipendenti della Inlinea, l’azienda non ha versato i contributi COMMENTA  

Catania – La Inlinea, società di call center con sede a Roma, chiude la sua sede di di via Ventimiglia a Catania. Trecento dipendenti, ormai ex, si sono ritrovati senza lavoro.

Leggi anche: Mafia, Catania: il Gup dispone il non luogo a procedere per Mario Ciancio

Il danno subito dai lavoratori non finisce qui. La ditta non ha versato loro i contributi nonostante, in busta paga risultasse trattenuta la somma relativa alla contribuzione.

Leggi anche: ‘Buon anno’ è il nuovo singolo dell’artista catanese, Paolo Miano

A denunciare questo grave episodio è Maurizio Attanasio, segretario generale della Felsa Cisl Sicilia che spiega:

La società quando pagava tratteneva la somma relativa alla contribuzione ma, nei fatti, non la dichiarava.

Quindi, i lavoratori a loro volta pagavano le tasse su una contribuzione inesistente. Per queste aziende di call center deve essere costituito un osservatorio permanente, visto anche l’approssimarsi dell’applicazione della nuova legge Fornero.

Leggi anche

No Picture
Catania

Verranno acquistati più mezzi per la Circumetnea

Sarà rinnovato il parco mezzi della Circumetnea con l’acquisto di 35 nuove vetture che rafforzeranno la presenza dell’azienda dei trasporti all’interno del territorio. L’annuncio è stato dato da Gaetano Tafuri, commissario governativo Fce, dopo un incontro con le maggiori cariche sindacali. L’acquisto dei mezzi rinnoverà il parco vetture che attualmente ammonta a circa 67 unità.Inoltre saranno intensificati i controlli sia nelle linee extraurbane che in metropolitana per evitare che gli utenti possano salire nelle vetture sprovvisti di biglietto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*