Catania, panico per il rogo di uno stabile in Via Bernini

News

Catania, panico per il rogo di uno stabile in Via Bernini

Piromani a Flachera

Grande paura in quartiere di Catania dove un grosso incendio si è sviluppato all’interno di un grande stabile sito in Via Bernini, che versa da tempo in stato di abbandono ed è ormai alloggio fisso dei senzatetto di turno. Intorno alle 9,30 di domenica una grande quantità di fumo sprigionata all’interno della struttura fatiscente ha costretto i residenti del quartiere a ricorrere all’intervento dei Vigili del Fuoco per evitare una tragedia imminente. I pompieri sono stati impegnati fino al tardo pomeriggio per spegnere le fiamme che hanno devastato lo stabile.

Il lavoro dei Vigili del Fuoco è stato complicato dal fatto che molti ingressi della struttura erano già stati murati da tempo dal Comune di Catania, per evitare l’accampamento dei senza fissa dimora, che da tempo popolavano lo stabile di Via Bernini in condizioni sanitarie precarie. Grazie al tempestivo intervento dei pompieri è stato possibile evitare il danneggiamento delle strutture adiacenti.

Si ignorano le cause che hanno determinato il rogo interno alla struttura, anche se dai primi riscontri, l’ipotesi più accreditata dagli inquirenti è quella di un atto volontario compiuto da un senzatetto intento a dare fuoco ai rifiuti accumulati all’interno del vano ascensore che occupano il grande palazzo fatiscente.

Intanto l’ufficio stampa del Comune di Catania ha diffuso una nota nella quale ha chiarito i contorni della vicenda.

“Il palazzo è chiuso da tempo – si legge nella nota – poiché era stato per anni utilizzato come ricovero dai senzatetto: per questioni di sicurezza era stato sigillato diversi mesi fa. Proprio il fatto che gli ingressi fossero murati ha complicato il lavoro dei vigili del fuoco, i quali sono stati comunque in grado di ultimare il loro lavoro. Le fiamme non hanno danneggiato l’edificio, che dovrà essere ristrutturato da chi lo acquisterà”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche