Catania, sequestrati beni alle famiglie Bosco e Cuntrò COMMENTA  

Catania, sequestrati beni alle famiglie Bosco e Cuntrò COMMENTA  

I finanzieri del Comando Provinciale di Catania hanno confiscato beni patrimoniali per il rilevante ammontare di 15 milioni di euro, appartenenti alle famiglie Bosco e Cuntrò. Il sequestro è stato disposto dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale, su richiesta della locale Procura Distrettuale.

Leggi anche: Camorra, 28 arresti tra cui imprenditori e politici

Membri delle due famiglie sono sottoposti a misure di restrizione con l’accusa di associazione a delinquere, usura ed estorsione, nell’ambito di una inchiesta che nel mese di febbraio tolse il velo alla contiguità di rapporti tra la famiglia Bosco e le famiglie mafiose dei Laudani e dei Santapaola.

Leggi anche: Pizzo per Natale, arresti in provincia di Caserta

Le indagini accurate, svolte dalla guardia di Finanza etnea, hanno consentito di ricostruire il patrimonio appartenente alle due famiglie, derivanti da un arricchimento illecito. La famiglia Bosco a Catania è proprietaria di una quantità rilevante di attività ristoratorie e di supermercati, alcune delle quali sono state sottoposte alla gestione di un amministratore giudiziario.

 

 

Leggi anche

No Picture
Catania

Verranno acquistati più mezzi per la Circumetnea

Sarà rinnovato il parco mezzi della Circumetnea con l’acquisto di 35 nuove vetture che rafforzeranno la presenza dell’azienda dei trasporti all’interno del territorio. L’annuncio è stato dato da Gaetano Tafuri, commissario governativo Fce, dopo un incontro con le maggiori cariche sindacali. L’acquisto dei mezzi rinnoverà il parco vetture che attualmente ammonta a circa 67 unità.Inoltre saranno intensificati i controlli sia nelle linee extraurbane che in metropolitana per evitare che gli utenti possano salire nelle vetture sprovvisti di biglietto.