Cementi fatti di carta

Guide

Cementi fatti di carta

I ricercatori studiano costantemente nuovi modi per rendere i materiali resistenti e leggeri. Chi studia il calcestruzzo ha scoperto che mescolando fibre di carta con leganti, si ottiene un prodotto resistente e leggero. Puoi diventare tu stesso un ricercatore facendo e sperimentando diverse miscele di leganti e carta straccia. I brandelli di carta sono disponibili in commercio, oppure puoi farli tu stesso usando vecchi giornali.

Papercrete

Il Papercrete si ottiene mescolando pezzetti di carta con cemento e sabbia, come riportato dall’organizzazione “Living In Paper”. Il rapporto dei componenti nella miscela varia, dal momento che ogni mix ha i suoi vantaggi e svantaggi. Sempre secondo “Living In Paper” la miscela base inizia con un mix di circa il 50 per cento dicemento, e il 50 per cento di carta.

Fidobe
Fidobe è una miscela di fibre di carta e di argilla, o di “adobe”. Si inizia con l’argilla, come quella rossa, e si aggiunge carta poco a poco. Si tratta di un materiale adatto alla costruzione, ma Living In Paper segnala alcuni inconvenienti. In primo luogo, può essere attaccato dalle termiti. In secondo luogo, se la percentuale di argilla è troppo alta, si può crepare durante il processo di essiccazione.

Padobe

Padobe è una miscela di cemento, carta e adobe. Il Padobe presenta vantaggi rispetto al Fidobe semplice. I problemi di fessurazione nella fase di essicazione sono ridotti. In secondo luogo, è un mix più forte. In terzo luogo, il pericolo di infiammabilità è ridotto, poiché il rapporto di carta è inferiore e la quantità di legante è maggiore.

Mix personalizzato

I mix personalizzati mescolano carta riciclata, cemento Portland, e una varietà di altri materiali. Il costruttore edile Clyde T. Curry aggiunge all’impasto Styrofoam, per ridurre il peso. Altri filler raccomandati dal gruppo Living In Paper sono cenere volante o la pula del riso. Se hai accesso a una grande quantità di materiali, sperimenta con diverse miscele e rapporti. Fa piccoli lotti di prova e verificane la resistenza e durevolezza dopo l’essiccazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...