Cerca di sposare un cobra credendolo la reincarnazione di una bella donna

Style

Cerca di sposare un cobra credendolo la reincarnazione di una bella donna

Migliaia di indù superstiziosi minacciavano di sommossa quando la polizia ha fatto irruzione in un tempio indiano per fermare un contadino innamorato e intenzionato a sposare un serpente.

Sandeep Patel, 27, era convinto che il cobra fosse stata una bella donna in una vita precedente e si era ormai innamorata di lui.

Egli ha affermato che poteva anche trasformarsi in un serpente di notte dopo essere andato in un profondo stato di trance e poter così stare vicino alla sua amata.

Tra 12.000 e 15.000 persone accorrevano a guardare la cerimonia al remoto villaggio di Badlapur nello stato di Phoolpur.

Il sacerdote indù che stava effettuando il matrimonio ha confermato che l’uomo aveva avuto fin da bambino i “tratti di un serpente molto evidenti”.

Ha aggiunto: “Sandeep passeggiava, beveva e giocav con la sua lingua proprio come un serpente.”

Ma il sacerdote è fuggito in preda al panico quando la polizia armata irruppe nel tempio dopo una soffiata del matrimonio bizzarro.

Sia Sandeep che suo padre Dayashankar, un agricoltore, sono stati arrestati per “violazione della pace”.

Subito dopo però la folla delusa minacciato di sommossa, perché il matrimonio era stato annullato.

Rinforzi di polizia sono stati chiamati per disperderli alle loro case nei villaggi circostanti.

Nove anni fa, una donna indiana chiamata Bimbala Das sposato un cobra nel villaggio di Tala in Orissa.

Purtroppo il serpente, che aveva detto di vivere in un vicino formicaio, non si è presentato dopo un’ora che i sacerdoti cantavano i loro mantra.

Così la 30enne ha ottenuto invece una replica in ottone.

Ha detto poi: “Anche se i serpenti non possono parlare o capire, noi comunichiamo in un modo particolare.

Il cobra non mi ha mai fatto del male. ”

I suoi vicini di casa nel villaggio sono stati deliziati dalla nozze. Essi hanno affermato che avrebbe portato fortuna alla zona.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche