Cerchi in lega: tipi e loro caratteristiche

Cerchi in lega: tipi e loro caratteristiche

Motori

Cerchi in lega: tipi e loro caratteristiche

Cerchi in lega: tipi e loro caratteristiche
Cerchi in lega: tipi e loro caratteristiche

Cerchi in lega auto: quali sono le caratteristiche e le dimensioni? Quanto costano? Meglio comprarli nuovi o usati?

I cerchi in lega sono più leggeri dei normali cerchi in ferro e sono preferiti dagli automobilisti per il miglior aspetto estetico e per le più alte performance tecniche. Essi garantiscono infatti una maggiore sicurezza e una maggiore affluenza di aria verso i dischi del freno che tendono a surriscaldarsi molto nei mesi estivi. Inoltre il peso dei cerchi in lega favorisce una migliore sterzata e una migliore frenata e, scegliendo cerchi formati in lega più leggera, si contengono anche i consumi di carburante.
L’unico difetto dei cerchi in lega è la difficile riparabilità nel caso in cui si prendono delle buche o ci si scontra con forza contro un marciapiede. Negli ultimi anni è però possibile, grazie alla tecnologia, raddrizzare i cerchi storti o pressare le parti deformate.

Dimensioni dei cerchi in lega: 15, 16, 17

Le dimensioni dei cerchi in lega variano a seconda di alcuni fattori: il diametro, la larghezza, l’Offset (ET), e la posizione e il numero dei fori di fissaggio del cerchione.

Il diametro del canale dei cerchi in lega viene rappresentato in pollici e lo si riconosce poiché sul libretto di circolazione è contrassegnato dai numeri 15, 16, 17 (il numero varia da un minimo di 12 a un massimo di 23).
La larghezza del canale è invece espressa in pollici e rappresenta la larghezza del pneumatico.

Più la larghezza del cerchio è maggiore più la ruota risulterà essere sporgente. Questo aspetto non è da sottovalutare in quanto in caso di eccessiva differenza di larghezza tra cerchione e pneumatico la stabilità della ruota peggiora e si rischia che la gomma esca fuori dal cerchio stesso.
L’Offset (ET) esprime la distanza in millimetri con cui è possibile far sporgere la ruota rispetto al cerchio originale senza l’utilizzo di distanziali. Esso rappresenta una misura del cerchio che non deve variare poiché una variazione nell’Offset può cambiare il comportamento dell’automobile su strada con forti ripercussioni sulle sospensioni a livello meccanico. L’offset può essere negativo, neutro o positivo. Nel caso in cui è negativo l’asse del cerchio sporge rispetto all’attacco del cerchio al mozzo. Nel caso in cui è neutro i due assi coincidono e nel caso in cui è positivo l’asse del cerchio rientra.
PCD indica la posizione, il numero e la distanza dal mozzo dell’auto ai vari fori di fissaggio del cerchione.

Solitamente le dimensioni dei cerchi in lega si possono trovare su ogni cerchio dietro il coperchio copri bulloni o dietro a una delle razze.
I prezzi dei cerchi in lega, variano soprattutto in base al materiale utilizzato e alla consistenza del prodotto.

Si possono anche trovare usati a prezzi più accessibili bisogna però stare attenti alla qualità del prodotto e alla quantità di utilizzo che ne è stato fatto.

Esistono diverse tipologie e marche di cerchi in lega: MOMO Ten-s, ANTERA Type 501, MAK Monaco Mirror, TSW Donington Gun Met e infine RIAL Dg756. I prezzi variano a seconda della marca.

Quanto costano?

I cerchi in lega MOMO Ten-s costano 140,28 euro a ruota singola e sono progettati con i migliori standard di qualità e di sicurezza. Essi infatti garantiscono un’avanzata cura dei dettagli e dei particolari che da anni rendono Momo uno dei marchi più conosciuti e prestigiosi nel settore dei cerchi in lega.
All’insegna del design e dell’innovazione questo cerchio è compatibile con la maggior parte delle automobili.

I cerchi in lega ANTERA Type 501 costano a ruota singola 280,00 euro e sono un prodotto molto ricercato, perché grazie all’accuratezza della produzione si contraddistinguono sono considerati un prodotto di alto profilo.
I loro cerchi in lega sono inoltre comprensivi di bulloni, accessori e kit di fissaggio.
Sono compatibili con tutte le auto e garantiscono delle buone prestazioni senza dover sostenere spese troppo alte.

I cerchi in lega MAK Monaco Mirror hanno un prezzo di 176,40 euro a singola ruota e nonostante siano più economici sono anche molto affidabili.
Si adattano facilmente alle ruote delle varie automobili vetture e comprendono nell’acquisto anche un kit completo di accessori, bulloni e loghi con stemmi originali.
I cerchi in lega MAK consentono di avere un’auto più elegante dal punto di vista estetico e nel contempo più sportiva e confortevole.

I cerchi in lega TSW Donington Gun Met costano 292,50 euro a singola ruota e sono degli ottimi cerchi in lega in quanto molto resistenti e compatti.

Sono dotati di pregiate finiture e di una grande qualità strutturale.
Non hanno problemi di compatibilità con i vari modelli automobilistici e sono comprensivi di accessori e bulloni.
Sono adatti sia alle vetture sportive che alle utilitarie. Riescono a migliorare lo stile di guida, rendendo la vettura più dinamica, confortevole e raffinata.

I cerchi in lega RIAL Dg756 costano 162,60 euro a ruota singola e sono prodotti secondo gli standard qualitativi più alti dell’industria automobilistica, con validi criteri di prova.
I cerchi Rial hanno come vantaggio una garanzia di cinque anni per le ruote verniciate e una garanzia di due anni per le ruote diamantate e per quelle cromate.
Inoltre non hanno problemi di compatibilità con le tipologie di vetture.

I cerchi in lega OZ Leonardo 3 costano 1104,00 euro a singola ruota.
Oz dal 1971 produce cerchi in lega per le auto più veloci del mondo ed è uno tra i più prestigiosi e famosi marchi italiani del settore dei cerchi in lega.
Esso infatti rappresenta il top di gamma del prodotto in questo settore e rende disponibili i migliori progressi tecnologici a tutti i suoi clienti con sicurezza e garanzia e con un buon rapporto qualità-prezzo.
I suoi cerchi in lega sono componibili in tre blocchi e comprendono il kit di fissaggio.

Per le applicazioni su vetture di marca Fiat, Alfa Romeo e Lancia viene fornito un apposito kit di bulloni .

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche