Fuga dei cervelli italiani all’estero COMMENTA  

Fuga dei cervelli italiani all’estero COMMENTA  

scuola_esame_studente1R400_thumb400x275

 

Il numero di studenti italiani che studiano all’estero è aumentato del 55% rispetto a tre anni fa, come ha detto una relazione italiana sulla mobilità degli studenti pubblicato Mercoledì.

Leggi anche: Euro May day 2008 a Milano in Porta Ticinese

Un totale di 7.300 studenti delle scuole superiori italiane nel 2014 ha lasciato il paese per i programmi di studio a lungo termine, secondo uno studio che è stato condotto dall’Osservatorio nazionale sull’internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca.

Leggi anche: Finto corso da hostess. Truffati un centinaio di persone

Per contro, il numero degli studenti delle scuole superiori provenienti da altri paesi per studiare in Italia per pochi mesi contava 3.200 persone, con un incremento dell’11% rispetto al 2011.

I dirigenti scolastici intervistati hanno riferito che i motivi dominanti per cui non partecipano ad un progetto internazionale sono stati la partecipazione degli studenti poveri e in difficoltà a trovare finanziamenti, che sono stati citati dal 24% e il 23% degli intervistati, rispettivamente.

L'articolo prosegue subito dopo

Il 68% per cento delle scuole superiori italiane ha partecipato ad un progetto internazionale di quest’anno Lo studio è chiamato Generazione disoccupati? No grazie, è stato sponsorizzato dalle fondazioni Intercultura e Telecom Italia.

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*