Cervicale: sintomi, rimedi e cura COMMENTA  

Cervicale: sintomi, rimedi e cura COMMENTA  

cervicale

Le patologie legate alla cervicale sono sempre più diffuse e non solo tra le donne. Quali sono le cause di questo disturbo? Che rimedi si possono adottare?

Cervicale e vertigini

La zona cervicale  si compone di 7 vertebre, su cui  in genere si accumula la tensione. Postura scorretta, usura, ansia e stress possono causare dei problemi che corrispondono a precisi disturbi. Le vertigini sono uno di questi e possono essere causate da vari fattori. Uno è la compressione neurovascolare che porta ad alterazioni degenerative nelle vertebre. Anche le posizioni scorrette, i traumi e l’intensa attività fisica possono portare dei problemi, in particolare l’artrosi cervicale. Un’altra causa è il  cosiddetto colpo di frusta, che può far spostare l’endolinfa – un liquido che si trova nell’orecchio – che mantiene l’equilibrio corporeo.


sintomi neurologici

Quando l’artrosi è a livello avanzato, viene compromessa l’azione del nervo vago, il più lungo dei nervi cranici. Il nervo vago produce i succhi gastrici dello stomaco e regola la contrazione dello stesso durante il processo di digestione. Se l’artrosi cervicale comprime il nervo vago, ecco che questo esercita male la propria funzione: se ne avvertono le conseguenze sotto forma di nausea, bruciori di stomaco, rossori in viso e disturbi nella deglutizione. Dato che questo nervo determina anche il rallentamento della funzione cardiaca, il suo malfunzionamento può portare a  fenomeni di tachicardia. Anche i problemi di vista (lucciole o parziale occultamento del campo visivo) sono dei sintomi.


cervicale e mal di testa

Uno dei disturbi più comuni portati dalla cervicale è il mal di testa o emicrania cervicale. Ne soffrono in particolare le donne, di cui ben l’80% tra i 20 e i 60 anni. L’accumulo di tensione, uno dei motivi pricipali, causa dilatazione e irritazione dei vasi sanguigni che arrivano al cervello. Il dolore provato è dovuto proprio a questo processo e i disturbi legati ad esso possono essere diversi: oltre alle classiche vertigini, alla nausea e ai problemi alla vista, si aggiungono anche stress e nervosismo.


Le cause che portano a questa emicrania sono tante: alcuni ritengono che ciclo mestruale ed esercizio fisico siano cause scatenanti, ma più che altro sono concause che agiscono insieme a altri fattori. Postura scorretta, tensione muscolare, troppo lavoro davanti al computer, bruxsismo, abuso di farmaci e di caffeina, stati di ansia e depressione.

L'articolo prosegue subito dopo


cervicale cause: mielopatia, ernia, lordosi

Alcune delle cause più diffuse dei problemi alla cervicale sono la mielopatia, l’ernia e la lordosi. Analizziamole nel dettaglio.

Mielopatia: patologia che si manifesta in genere nei soggetti anziani, causata dal restringimento del canale midollare e dalla compressione cronica del midollo spinale. Si verifica quando i dischi della colonna, posti tra le vertebre, cominciano a perdere elasticità. I sintomi più comuni sono difficoltà nel camminare, sensazione di pesantezza agli arti superiori e di debolezza a quello inferiori. Inoltre si registra anche la perdita di agilità nei movimenti delle mani.

Ernia: per la precisione si parla di ernia cervicale discale, dato che è causata dallo schiacciamento dei dischi posti tra le vertebre del collo. Questo accade quando il disco subisce una compressione causata da un trauma improvviso, per effetto dell’età o per un una postura sbagliata. Durante la compressione le vertebre si avvicinano più di quanto non dovrebbero e, schiacciando il disco, ne causano la fuoriuscita dalla sua sede.

Lordosi: La colonna vertebrale è naturalmente caratterizzata da curvature, per sostenere il peso della testa e il corretto equilibrio. La lordosi è un’alterazione nella naturale incurvatura della colonna, nello specifico porta a spingere la testa in avanti e ad assumere una posizione innaturale. Poiché riguarda la zona cervicale, influenza il corretto funzionamento delle vertebre ma, a differenza delle altre cause analizzate, non è detto che manifesti dei sintomi. Tutt’altro. Spesso non ci sono disturbi ma si può riconoscere il problema dalla particolare posizione assunta dal collo. Solo in alcune situazioni si può manifestare anche dolore al collo, altrimenti la lordosi rimane silente.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*