Cgil Palermo, necessità che Bersani rispetti le promesse fatte al Cantiere Navale COMMENTA  

Cgil Palermo, necessità che Bersani rispetti le promesse fatte al Cantiere Navale COMMENTA  

Oggi è stato proclamato uno sciopero di due ore a fine turno da parte dei lavoratori del Cantiere Navale di Palermo, in risposta alle proposte del governo per quanto riguarda il mercato del lavoro, e indetto dalla Fiom Nazionale.

Leggi anche: Agrigento: arrestato direttore agenzia delle Entrate e altri funzionari


I lavoratori del cantiere hanno dichiarato che  ”in questo momento la priorita’ assoluta sia il lavoro. Ci attendiamo incentivi e nuove commesse, la cantieristica e’ in grossissime difficoltà. Per questo sollecitiamo il governo a cambiare politica economica e chiediamo che l’articolo 18 non vada toccato, non si possono in questo momento di crisi indebolire i diritti e le condizioni dei lavoratori”.

Leggi anche: Vietata la vendita di botti e fuochi d’artificio nelle principali città siciliane


La Fiom sottolinea inoltre le promesse del segretario del Partito Democratico Bersani, che a Palermo “ha promesso ai lavoratori del Cantiere navale che l’articolo 18 non si sarebbe toccato e che la priorità sarebbe stata il lavoro.

Chiediamo a tutti i parlamentari del Pd di vigilare sul rispetto di queste promesse. I lavoratori sono gia’ colpiti dalla vicenda dalle pensioni. Non possono rischiare di rimanere senza lavoro e senza pensioni”.

L'articolo prosegue subito dopo

Questo è stato precisato dal rappresentate Fiom Cgil Palermo Francesco Piastra e dl rappresentante Fiom della Rsu del Cantiere Francesco Foti

Leggi anche

Bernardo Provenzano
Attualità

Lo stato confusionale di Provenzano. Quando il boss perse la lucidità

Provenzano: il boss di Cosa Nostra e lo stato confusionale causato dalla perdita di lucidità durante gli ultimi anni della sua vita Bernardo Prevenzano è decesso  oggi 13 luglio all'età di 83 anni. Il boss di Cosa Nostra è morto a causa del cancro alla vescia e alla prostata. Lo stato di salute di Provenzano si trovava gravemente danneggiato e infatti, nel 2001 scattarono l'allarmi per le condizioni di salute del boss. Provenzano soffriva spesso di perdita di lucidità e non sapeva perché ne come  fosse detenuto. Ogni tanto aveva anche episodi  di balbuzie. Furono le lettere scritte alla moglie a far capire alla Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*