Champions League, Arsenal-Bayern Monaco 1-5: ecco le pagelle. Ancelotti vola ai quarti

Calcio

Champions League, Arsenal-Bayern Monaco 1-5: ecco le pagelle. Ancelotti vola ai quarti

Champions League, Arsenal-Bayern Monaco 1-5: ecco le pagelle. Ancelotti vola ai quarti
Champions League, Arsenal-Bayern Monaco 1-5: ecco le pagelle. Ancelotti vola ai quarti

Bayern Monaco senza pietà e Arsenal umiliato. Walcott illude i “Gunners” nel primo tempo ma, in ripresa, inizia la goleada dei tedeschi.

Insomma, normale amministrazione per il Bayern Monaco, nel match di ritorno degli ottavi di finale della Champions League. La squadra allenata da Carlo Ancelotti ripete il successo dell’andata con lo stesso numero di reti rifilate all’Arsenal: ben 5. Nel primo tempo, Walcott illude dei “Gunners” segnando il primo (e unico) gol. I tedeschi hanno atteso il 10′ della ripresa per pareggiare con una bomba di Lewandowski. Poi l’olandese Robben ha condotto il Bayern in vantaggio al 23′. Infine, il tris con Douglas Costa, al 33′, e la doppietta di Arturo Vidal, all’80’ e all’85’. Fine dei giochi. Ma si era capito da un pezzo, ormai.

Ecco le pagelle di Arsenal-Bayern Monaco 1-5.

Arsenal

OSPINA: 5,5 – Letteralmente aggredito da una fiumana di avversari che, a un certo punto, hanno scatenato l’inferno.

E nulla può fare. Salva il salvabile su Vidal e Lewandowski.

BELLERIN: 5 – Corre per infiniti chilometri, formando una catena di destra assieme a Walcott. Ma quando l’Arsenal rimane in 10, va in confusione e regala l’1-4 a Vidal.

MUSTAFI: 5 – Un meraviglioso assist offre a Walcott il tentativo di raddoppio. La sua ripresa è surreale.

KOSCIELNY: 5 – Per tutto il primo tempo, è un muro. Peccato che, nella prima occasione in cui perde Lewandowski, lo stende in area. Rigore, cartellino rosso e addio Champions.

MONREAL: 5 – Un treno che fa poche fermate ma viene completamente demolito nell’ultima parte di gara.

RAMSEY: 5 – Pericoloso in inserimento ma non sempre preciso. Anche per lui, dopo l’1-1, cala il buio (dal 72′, COQUELIN s.v.).

XHAKA: 5,5 – Grinta e gioco di qualità. Un’energia che evapora nel secondo tempo, come per tutti i suoi compagni.

WALCOTT: 6,5 – Corre come un dannato nel primo tempo, si infila in area, dribbla e segna.

Ma è una gloria che dura poco.

OXLADE-CHAMBERLAIN: 6 – E’ l’ultimo che si arrrende. Resta sempre vivace, in movimento e intraprendente.

SANCHEZ: 5 – Inutile all’Arsenal. Il ragazzo ha qualità ma non si applica. Non è un difensore e lo dimostra (dal 72′, PEREZ s.v.).

GIROUD: 5 – Non sfrutta le due buone occasioni che gli piombano sulla testa. Prestazione da rivedere. Dal 55′ in poi, è acqua sotto i ponti (dal 72′, ÖZIL s.v.).

All. Arsene WENGER: 5 – Umiliato. Tocca il culmine, ma verso il basso, nella sua storia all’Arsenal.

Bayern Monaco

NEUER: 5 – E’ uno dei portieri più forti del mondo, ma si impapera su Walcott.

RAFINHA: 6 – Assieme a Robben, effettua continue sovrapposizioni, nonostante venga sorpreso da dietro più volte. Primo tempo moscio, ripresa tranquilla.

MARTINEZ: 6 – Si prende un giallo e, ogni tanto, va in difficoltà. Fortunatamente, dal momento dell’espulsione di Koscielny, i “Gunners” non attaccano più e lui respira, riprendendo il filo del discorso.

HUMMELS: 6 – E’ un lavoraccio, sdoppiarsi tra il marcare Giroud e l’aiutare Alaba.

Anche lui sorpreso dall’avanzata di Walcott. Segna un gol, ma viene annullato.

ALABA: 5,5 – Walcott gli fa venire il mal di mare fin da subito. Serata molto difficile, per l’austriaco. Per i primi 45 minuti, non ne imbrocca una. Respira solo a qualificazione ottenuta.

ALONS 6 – Lento, fiacco e distratto per un tempo intero. Perde palloni pericolosi ed è perennemente avvinghiato dai colleghi in maglia biancorossa. Tutto migliora con la superiorità numerica.

VIDAL: 7,5 -In difficoltà nel primo tempo, ma sempre combattivo. Cerca il gol più e più volte e, alla fine, lo trova quando l’Arsenal è ormai imbambolato.

ROBBEN: 7,5 – Stupendo! E alla faccia dei suoi 33 anni. Il migliore del Bayern anche in un deludente primo tempo. Il suo è un gol meritatissimo (dal 71′, COSTA: 7,5 – Ha una voglia pazzesca di ribaltare il mondo. Grazie anche a una difesa inesistente, segna un gol e produce un assist vincente.

Ancelotti ha visto lungo).

ALCANTARA: 6,5 – Va a momenti. Ma resta geniale. Fatica nella prima parte di gara, ma partecipa bene alla festa, nel secondo tempo (dal 79′, KIMMICH s.v.).

RIBERY: 5,5 – Stasera non c’è. Poche le idee e poca la cattiveria. Ogni volta che ha la palla, se la fa rubare dagli avversari (dal 79′, SANCHES s.v.).

LEWANDOWSKI: 7,5 – Una mannaia su tutti. Pareggia e, nella ripresa, è glaciale sul rigore. Sfiora la doppietta, ma il palo gliela nega.

All. Carlo ANCELOTTI: 7,5 – Approda, ancora una volta, ai quarti di finale di Champions League. Sbuffa e si arrabbia per tutto il primo tempo. Poi si calma, si siede e si gode lo show, nel secondo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche