Champions League: il sorteggio di venerdì. Cosa rischia la Juve?

Champions League: il sorteggio di venerdì. Cosa rischia la Juve?

Calcio

Champions League: il sorteggio di venerdì. Cosa rischia la Juve?

Champions League: il sorteggio di venerdì. Cosa rischia la Juve?
Champions League: il sorteggio di venerdì. Cosa rischia la Juve?

Venerdì 21 aprile andrà in scena l'atteso sorteggio delle semifinali di Champions League: ecco come seguirlo e quali sono le quattro squadre rimaste.

Il ritorno dei quarti di finale della Champions League ha messo nero su bianco svelando quali saranno le quattro grandi d’Europa:

  • Juventus
  • Atletico Madrid
  • Real Madrid
  • Monaco

Ognuna di queste lotteranno per la conquista della grande Coppa. Al momento, però, le squadre sono in attesa di scoprire quale sarà il loro rispettivo avversario delle semifinali, ultima barriera da superare prima della Finale di Cardiff che si terrà il 3 giugno, nel Millennium Stadium della città gallese, con i suoi 74.500 tifosi attesi. Costruito nel 1999, per il Mondiale di Rugby, ad oggi, è la casa della Nazionale gallese della palla ovale, ma ospita spesso anche rappresentative calcistiche.

Il punto della situazione e i trascorsi delle squadre

La Juventus è riuscita, ieri sera, a superare l’ostacolo Barcellona, scongiurando lo spauracchio della remuntada dei blaugrana, dopo la vittoria dei bianconeri per 3-0 dell’andata. La Vecchia Signora, quindi, fa nuovamente ritorno a questo punto della competizione, dopo il celebre atto conclusivo perso nel 2015.

Per quanto riguarda la squadra del Principato, questa perse la Finale contro il Porto di Mourinho, nel 2004. Le due spagnole, invece, si erano sfidate proprio lo scorso anno a Milano, quando i blancos vinsero l’ambito trofeo. Per la precisione, i club presenti nelle semifinali della Champions 2015/2016 sono stati: Real Madrid, Atletico Madrid, Manchester City e Bayern Monaco.

Cosa si stanno augurando i bianconeri? Forse di pescare proprio la formazione in testa al Campionato francese. Il Monaco, però, non è da sottovalutare. Anzi, va preso con le pinze, dal momento in cui, nell’ordine, ha eliminato, senza nemmeno troppa fatica, sia il Manchester City che il Borussia Dortmund. In caso contrario, i Campioni d’Italia dovranno prepararsi a una sfida galattica con una delle due squadre di Madrid: o Cristiano Ronaldo e compagnia bella, dopo la semifinale vinta due anni fa, oppure l’Atletico di Simeone, avversario tosto e molto, molto vicino alla Juventus come tipologia di gioco.

A decidere gli abbinamenti delle semifinali della Champions League 2017 sarà il sorteggio che si terrà a Nyon, in Svizzera, il 21 aprile alle 12.

Non saranno previsti paletti nell’urna di Nyon. La diretta tv sarà su Mediaset Premium.

Le 4 squadre sfidanti

REAL MADRID – I Campioni d’Europa in carica hanno fatto fuori il Bayen Monaco di Ancelotti, al termine di una partita piuttosto discussa per gli episodi arbitrali e decisa ai tempi supplementari. Cristiano Ronaldo è stato il vero matador del campo, trascinando i blancos, squadra in testa al Campionato spagnolo nonché vincitrice del Mondiale per Club. Il Real Madrid, quindi, si rivela essere una vera e propria corazzata. Ma non è una novità.

ATLETICO MADRID – E’ la finalista perdente della passata stagione. Fino ad oggi, è stata relativamente fortunata con il sorteggio, eliminando il Leicester ai quarti di finale. Ma è molto temibile per la tipologia di gioco. Possiede grandi difese e ripartenze ficcanti. In panchina, spadroneggia la grinta di Simeone. Squadra assolutamente da evitare. La Juventus potrebbe patirli, e non poco. Soprattutto il bomber francese Griezmann.

MONACO – Grande outsider delle semifinali, si è rivelata la vera (e inattesa) protagonista di questa cavalcata verso il trofeo.

Agli ottavi di finale, ha mandato a casa il Manchester City. Nei quarti, invece, sono stati in grado di espugnare il bollente campo del Borussia Dortmund. Morale: non vanno assolutamente sottovalutati. Il gioiellino Mbappé è l’asso nella manica. Perchè? Segna sempre, ha 18 anni e piace a più di mezza Europa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche