Champions League: Milan pericolo Bayern Monaco e Real Madrid

Milan

Champions League: Milan pericolo Bayern Monaco e Real Madrid


Primato nel girone, quanto avrebbe fatto comodo! Obbiettivo mancato dai rossoneri in seguito alla sconfitta con il Barcellona per 2-3 rimediata a San Siro. Ora il pensiero va alle urne di Nyon ed ai possibili accoppiamenti degli ottavi: i rossoneri potrebbero incontrare nel loro cammino Real Madrid, Bayern Monaco, Chelsea, Arsenal, Apoel Nicosia e Benfica.
Con Barcellona (incontrato nel girone), Inter (connazionale) già escluse da possibili accoppiamenti, si spera in un sorteggio “fortunato”: i pericoli più grossi potrebbero essere Bayern e Real Madrid, il primo incontrato più volte dai rossoneri, anche nel 2007, anno della vittoria dell’ ultima Champions rossonera, i secondi sfidati lo scorso anno nella fase a gironi. Con la clamorosa squalificazione dalla di United e City il calcio italiano è l’unico ad aver portato tre squadre agli ottavi di finale: Inter, Milan e Napoli.
Il rischio è quello di uno scontro Italia-Spagna, dove le due rappresentanti spagnole qualificatesi prime nella fase a gironi, Barça e Real, fanno tanto paura, gli uomini di Guardiola potrebbero, infatti, incontrare il Napoli, mentre per i rossoneri incombe il pericolo Mou!
Si spera nell’Apoel e nel Benfica oppure nelle restanti inglesi che non sono apparse così brillanti: Chelsea e Arsenal.

Ma occhio perchè pure lo scorso anno il sorteggio con il Totthenam sembrava favorevole e poi sappiamo tutti come sono finiti gli ottavi. Al di là degli accopiameni conterà lo stato di forma rossonero e la speranza di aver un’ infermeria meno affollata rispetto allo scorso anno: Allegri aveva infatti dovuto schierare Thiago Silva centrale a centrocampo a causa dell’infortunio di Pirlo ed i tanti assenti. Con un Nocerino, Aquilani e Van Bommel (indisponibile per la Champions perchè iscritto alla lista Uefa con la sua ex squadra, il Bayern Monaco) in più Allegri potrebbe stare abbastanza tranquillo.
Valentina Ligas

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche