Champions, Real Madrid-Atlético Madrid 3-0. Tripletta di Ronaldo ed è già Cardiff. Ecco le pagelle

Calcio

Champions, Real Madrid-Atlético Madrid 3-0. Tripletta di Ronaldo ed è già Cardiff. Ecco le pagelle

Champions, Real Madrid-Atlético Madrid 3-0. Tripletta di Ronaldo ed è già Cardiff. Ecco le pagelle
Champions, Real Madrid-Atlético Madrid 3-0. Tripletta di Ronaldo ed è già Cardiff. Ecco le pagelle

Atlético Madrid annichilito e Cristiano Ronaldo che fa 103 gol in Champions. La squadra di Zidane già stacca il biglietto per Cardiff.

Un Real Madrid coi fiocchi, quello che si è appena visto nel match d’andata della prima semifinale di Champions League. Atlético Madrid, invece, mai sul pezzo. I blancos già si prenotano un posto per la finale di Cardiff. Cristiano Ronaldo, con la sua straordinaria tripletta, è stato decisivo. Il portoghese, quindi, raggiunge quota 103 reti, per questa edizione 2017. E si avvicina, in un solo balzo, a Messi, in testa della classifica marcatori. La squadra di Simeone, invece, perde i colpi. Griezmann non è quasi mai pericoloso. Come tutto il resto della banda.

Ecco le pagelle di Real Madrid-Atlético Madrid 3-0

Real Madrid

NAVAS s.v. – A parte una gloriosa parata in uscita su Gameiro, l’Atletico Madrid non tira mai in porta. Non gli resta che sonnecchiare.

CARVAJAL: 6,5 – Impegna Oblak, spinge e mette in crisi Filipe Luis. Cade male ed è un problema alla caviglia sinistra (dal 46’, NACHO: 6,5 – Veloce e determinato.

Fa addirittura ammonire un avversario).

VARANE: 6,5 – Rasenta il raddoppio. In difesa è puntuale ed è matrimonio felice con Ramos.

RAMOS: 7 – Tutti suoi, i tiri di testa. Per come gioca, gli attaccanti dell’Atlético gli fanno davvero un baffo.

MARCELO: 7 – L’azione del 2-0 nasce da lui. Un razzo. Imprendibile.

MODRIC: 7 – Un taglio di diagonale sfiora il palo. Gestisce i palloni con classe, consapevolezza ed eleganza.

CASEMIRO: 6,5 – Suo l’assist per il primo gol di Ronaldo. Peccato perda qualche pallone. Ciò nonostante, ha decisamente contributo alla causa fino al termine del match.

KROOS: 7,5 – Miriadi di palloni transitano da lui. Sembra che abbia le calamite ai piedi.

ISCO: 6,5 – Sbaglia un solo passaggio su 57, una precisione del 98%. Con un fallo su Hernandez, viene ammonito e rischia addirittura il secondo giallo. Zidane, onde non sfidare troppo la sorte, lo chiama in panchina (dal 68’, ASENSIO: 6,5 – Genera panico.

Di grande personalità e scaltrezza).

RONALDO: 9 – Otto gol segnati nelle ultime tre partite di Champions e 103 reti realizzate in Champions, delle quali 52 nei match a eliminazione diretta e 13 in semifinale. Anche uomo assist. Stratosferico. Resterà per sempre nella storia.

BENZEMA: 6 – Si mangia un gol e ne sfiora un altro. Non è serata. Meglio come suggeritore (dal 78’, VAZQUEZ: 6,5 – Una discesa e un assist per il 3-0. Bastano e avanzano).

All. Zinedine ZIDANE: 7,5 – Non poteva andare meglio. Superiorità schiacciante dei suoi.

Atlético Madrid

OBLAK: 5,5 – Incerto in avvio, ma non può nulla su Ronaldo. Come per il resto.

LUCAS: 5 – Soffre Marcelo. Mai a suo agio. In perenne emergenza tecnica e tattica. Che sudori!

SAVIC: 4,5 – Imbambolato e per nulla all’altezza della situazione.

GODIN: 5 – Tagliato fuori e in perenne balia di Ronaldo.

LUIS: 4 – In continua difficoltà su Carvajal e superato da Ronaldo con estrema facilità.

È una serata davvero da incubo. Disassato e fuori tempo.

KOKE: 5,5 – Ammonito per aver fermato da dietro Modric. Tra tutti, è quello che spreca meno palloni. Ma non basta.

GABI: 4,5 – Sovrastato dai due giganti Modric e Kroos. Piccolo piccolo.

SAUL: 4,5 – Ammonito su accelerazione di Nacho. Spunti inesistenti (dal 58’, GAITAN: 5 – Ingresso molle e approssimativo).

FERREIRA CARRASCO: 5 – Cerca di rendersi utile, ma non riesce a prescindere dai problemi alla spalla (dal 68’, CORREA: 5 – C’era?).

GAMEIRO: 4,5 – Si è inghiottito il gol dell’1-1 (dal 57’, TORRES: 5 – Spaesato e fiacco).

GRIEZMANN: 5 – Ne avesse azzeccata una. Ingabbiato nella difesa avversaria.

All. Diego Pablo SIMEONE: 5 – Ha allenato una squadra che non produce nemmeno un tiro in porta. Fallimentare. Ci vuole una magia, per il ritorno. Ma i presupposti sembrano, ahinoi, non esserci.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche