Champions League, tutte le insidie di Juventus, Napoli e Roma

Calcio

Champions League, tutte le insidie di Juventus, Napoli e Roma

Champions League

Champions League al via con Juventus, Napoli e Roma impegnate in gironi da non sottovalutare, tante insidie si nascondono per le tre italiane.

Prende il via questa sera la Champions League edizione 2017/2018 con tre squadre italiane impegnate: Juventus, Roma e Napoli. Le prime a scendere in campo saranno i bianconeri e i giallorossi, mentre gli azzurri esordiranno domani. Molte le insidie che accompagneranno le nostre squadre nel cammino dei rispettivi gironi.

Juventus nel Gruppo D, sfida ancora Messi

La Juventus è stata sorteggiata nel Gruppo D di questa Champions League insieme a Barcellona, Sporting Lisbona e Olympiakos.

La formazione guidata da Allegri è stata la finalista della scorsa edizione e quest’anno vuole a tutti i costi riportare a Torino la Coppa dalle grandi orecchie che manca ormai dal 1996, ma per farlo dovrà prima superare le insidie di questo raggruppamento.

Inutile sottolineare quanto sia impegnativo sfidare il Barcellona, soprattutto dopo che i blaugrana lo scorso anno videro la loro corsa verso la finale bloccata proprio dagli juventini e cercheranno già questa sera al Camp Nou di prendersi la rivincita visto che ospiteranno proprio Dybala e compagni.

La formazione guidata quest’anno da Valverde è sicuramente il pericolo numero 1 per la Juve, ma come sempre saranno due le formazioni che passeranno agli ottavi, quindi l’attenzione maggiore va riposta nelle altre due partecipanti al Gruppo D.

Lo Sporting Lisbona come tutte le squadre portoghesi, è sempre un avversario ostico, che non avrà campioni di primo livello, ma che riesce col gruppo ad infastidire chiunque.

La Juve dovrà fare quindi molta attenzione, perchè la quarta fascia gli ha forse riservato l’avversario più difficile.

L’Olympiakos è forse la squadra meno temibile nonostante appartenga alla terza fascia. I greci sono però da non sottovalutare soprattutto nella sfida che si disputerà in Grecia, perchè la forza di questa formazione è proprio la torcida del proprio pubblico, mentre in trasferta di solito non crea molte difficoltà.

Insomma il cammino della Juventus non sembra proibitivo, ma tenere alta la guardia è sempre essenziale, intanto stasera cercherà di uscire indenne dal Camp Nou e sarebbe già un ottimo avvio.

Per la Roma l’infernale Gruppo C

Tra le tre italiane impegnate in Champions League, la Roma è quella che si ritroverà ad affrontare un girone infernale, quello C, composto da Chelsea, Atletico Madrid e Qarabag.

Questa sera per la formazione di Di Francesco ci sarà il primo esame di maturità all’Olimpico contro l’Atletico Madrid del “Cholo” Simeone, una squadra che con il suo gioco duro e pratico è capace di creare problemi a chiunque, infatti ha raggiunto la finale della massima competizione due volte negli ultimi anni e cioè nel 2014 e nel 2016 per poi essere sconfitto sempre dal Real Madrid.

Molte le incognite che accompagneranno i giallorossi, a partire dall’inesperienza europea del suo tecnico e da una rosa rivoluzionata rispetto alla scorsa stagione.

Non solo Atletico Madrid, ma soprattutto il Chelsea di Antonio Conte fa venire i brividi alla Roma, gli inglesi infatti dopo aver vinto la scorsa Premier League quest’anno puntano molto sulla Champions ed in più ritrovarsi di fronte un tecnico italiano non rende certo più agevole il compito ai capitolini.

Molto più abbordabile il Qarabag alla sua prima apparizione alla fase a gironi della competizione, ma non va sottovalutata la trasferta lunghissima in Azerbaigian.

Sulla carta la Roma non è sicuramente tra le favorite per passare il turno, ma questo può rivelarsi anche un vantaggio, anche perchè la rosa a disposizione di Di Francesco può tranquillamente giocarsela con chiunque.

champions league

Napoli dai preliminari al Gruppo F, c’è Guardiola

Il Napoli dopo quattro anni è riuscito a spezzare l’incantesimo negativo dei preliminari per le italiane eliminando con un doppio 2-0 il Nizza di Balotelli e Sneijder.

Al sorteggio di Montecarlo la squadra azzurra era inserita in terza fascia, ma non può certo lamentarsi del Gruppo F dove è stata piazzata, infatti con lei ci sono Manchester City, Shakhtar e Feyenoord.

La formazione che può creare più di un’insidia alla formazione di Sarri è logicamente il Manchester City di Guardiola, un altro fautore del calcio propositivo, tanto che la sfida tra le due compagini è molto attesa perchè sarà assicurato lo spettacolo.

L’esordio per Hamsik e compagni avverrà domani in Ucraina contro lo Shakhtar testa di serie non irresistibile, soprattutto per una formazione che ha iniziato la stagione con 5 vittorie in altrettante gare.

La trasferta in Ucraina capita anche in un periodo dell’anno non freddo e questo è un altro particolare da non sottovalutare.

Non va nemmeno sottovalutato comunque nemmeno la forza dell’avversario, che è anche più avanti nella preparazione avendo disputato già 8 gare di campionato nelle quali ha totalizzato 7 vittorie ed una sconfitta, che gli consentono di stare in testa alla classifica seppur con una gara in più rispetto alla Dinamo Kiev.

Il Feyenoord invece è stata la sorpresa del calcio olandese della scorsa stagione, riuscendo a vincere il titolo avendo la meglio sull’Ajax. Nonostante alcune partenze e l’addio al calcio giocato dell’uomo simbolo Kuyt, anche quest’anno la squadra di Rotterdam è partita benissimo in Eredivisie. Quattro vittorie e punteggio pieno, unica squadra al comando del campionato.

Per il Napoli quindi le insidie non arriveranno solo dall’Inghilterra, ma la formazione partenopea per raggiungere gli ottavi di Champions League dovrà ben guardarsi sia dai campioni di Ucraina che da quelli d’Olanda.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Patrizio Annunziata 947 Articoli
Vivere di calcio e sport con passione cercando sempre di essere imparziale e raccontare solo e senza mezzi termini la pura realtà dei fatti per rendere un servizio degno ai lettori.