Champions, Monaco-Borussia Dortmund 3-1: Mbappé santo subito. Ecco le pagelle
Champions, Monaco-Borussia Dortmund 3-1: Mbappé santo subito. Ecco le pagelle
Calcio

Champions, Monaco-Borussia Dortmund 3-1: Mbappé santo subito. Ecco le pagelle

Champions, Monaco-Borussia Dortmund 3-1: Mbappé santo subito. Ecco le pagelle
Champions, Monaco-Borussia Dortmund 3-1: Mbappé santo subito. Ecco le pagelle

Mbappé, Falcao e Germain dirottano il Monaco in semifinale. Inutile per il Borussia il gol di Reus. Tedesche tutte fuori ai quarti: non succedeva da 8 anni.

Il Monaco batte 3-1 il Borussia Dortmund e si aggiudica la semifinale di Champions League. Sono passati 13 anni, dall’ultima volta. È stato un incontro ad alto tasso tecnico, quello che è andato in scena allo “Stade Louis II”. Sono bastati solo 150 secondi per sbloccare il punteggio.

Ora, tra le grandissime della Juventus, del Real e dell’Atletico Madrid, ci sono i biancorossi. Certo, qualcosa concedono sempre, ma in avanti non hanno pietà. E il merito va a una coppia perfetta: il 18enne Mbappé e il 31enne Falcao. I due, stasera, hanno stroncato, sul nascere, qualsiasi progetto di ribaltone da parte dei tedeschi. Il Dortmund esce dalla Coppa col capo basso un gradino sotto. Perché ha mostrato tutti i suoi limiti tattici e tecnici. La Germania, perciò, si ritrova senza semifinaliste in Champions: non accadeva da 8 anni.

Ecco le pagelle di Monaco-Borussia Dortmund 3-1

Monaco

SUBASIC: 6,5 – Il primo pallone è una scossa al piede.

Molte le parate e nessuna colpa sul gol di Reus. Meritevole il bel tuffo finale su Aubameyang.

TOURÉ: 7 – Salva sempre con tempismo e getta cross su cross in area avversaria. Promettente per il futuro.

GLIK: 7 – Coriaceo, soprattutto in marcatura su Aubameyang.

JEMERSON: 6 – Soffre Reus ma non sfigura in difesa sebbene pesi il gol incassato.

MENDY: 7 – Implacabile. Spopola nella prima mezzora. Peccato che in difesa, su Dembelé, non sia altrettanto efficace.

BERNARDO SILVA: 6,5 – Erroraccio su un colpo di testa nel primo tempo. Ma è l’unico (dal 90’, RAGGI: s.v.).

BAKAYOKO: 6,5 – Letteralmente un valore aggiunto, soprattutto al centro.

MOUTINHO: 6,5 – È lui a dare inizio alla produzione dei gol monegaschi: il primo dei tre tocchi con cui i biancorossi vanno in porta ha sempre la sua firma.

LEMAR: 8 – Suoi gli assist per Falcao e Germain. Non sbaglia i controlli di palla né un passaggio.

Da manuale. Il migliore in campo.

MBAPPÉ: 7,5 – Ha solo 18 anni ma ha segnato 5 gol in 4 partite eliminatorie di Champions rispettivamente contro il Manchester City e il Borussia Dortmund. A 10 minuti dal fischio, sbaglia. Allora è umano! (dall’81, GERMAIN: 6,5 – Passano pochi secondi dal suo ingresso in campo e voilà, il colpo di grazia).

FALCAO: 7 – Morde la porta come pochi. È un centravanti pieno. Va a segno con un ineccepibile colpo di testa. Sbaglia il bis. Ma il motivo del mezzo voto in meno e che finisce la benzina troppo presto (dal 67’, DIRAR: 6 – Corre su tutti i palloni).

All. Leonardo Jardim: 8 – Due parole d’ordine: calcio diretto e palla al piede. Confeziona uno spettacolo di squadra. Il Monaco ha all’attivo 141 gol stagionali e 11 vittorie nelle ultime 12 partite. Poteva andare diversamente stasera?

Borussia Dortmund

BÜRKI: 5 – Pasticcio in presa sul primo gol.

Peccato che le belle parate arrivino in ritardo. Non è all’altezza di quella porta.

PISZCZEK: 4 – Pasticcione. Clamorosamente colpevole sui primi due gol subiti.

PAPASTATHOPOULOS: 6 – Serra Falcao nella ripresa, marcandolo con assiduità. Insomma, si guadagna il posto sulla scialuppa di salvataggio.

GINTER: 5 – Si perde totalmente Falcao e questo lo ricambia con una rete. Semina errori su errori nelle marcature per tutti i 90 minuti.

GUERREIRO: 5 – Sbaglia una chance preziosa e non cambia mai ritmo (dal 72’, PULISIC: 6 – Peccato. Entra troppo tardi per incidere).

WEIGL: 5,5 – C’era? Non ce ne eravamo accorti…

SAHIN: 6 – Centra un palo su punizione nel momento della speranza, ma esce all’intervallo per esigenze di modulo (dal 45’, SCHMELZER: 5 – Anche nella ripresa, il Dortimund vaga su entrambe le fasce scambiandole a piacimento).

DURM: 4,5 – Tuchel lo schiera titolare contro Mendy. Gliele danno di santa ragione. Esce dopo un liscio di tibia a centro area (dal 27’, DEMBELÉ: 7 – Serve il gol a Reus ed è la migliore giocata della partita.

Possiede un’indiscutibile proprietà di palleggio. Un campione.

KAGAWA: 5,5 – Fantasma per la prima mezzora. Poi un guizzo prima dell’intervallo. Allora è vivo! Infine, 20 minuti di buon ritmo nella ripresa. Non è comunque abbastanza.

REUS: 6,5 – Rientrato da poco dall’ennesimo infortunio, non gli si possono chiedere miracoli. Ma parte bene, tira in porta e segna il gol dell’unica speranza tedesca.

AUBAMEYANG: 4,5 – Glik lo travolge. Il primo tiro in porta giunge all’85′. Beh, meglio tardi che mai.

All. Thomas Tuchel: 5 – Sbaglia la mossa Durm, rinuncia a Sahin e inserisce Pulisic troppo tardi. Bilancio fallimentare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche