Champions: urna amara per il Milan. C’è il Barcellona COMMENTA  

Champions: urna amara per il Milan. C’è il Barcellona COMMENTA  

Non resta che attaccarsi alle enormi motivazioni che una sfida del genere finirà inevitabilmente per suscitare, ma di certo la fortuna non è stata dalla parte del Milan. Il sorteggio dei quarti di finale di Champions League ha riservato ai rossoneri il peggior cliente possibile, quello che tutti avrebbero voluto evitare: il Barcellona, con tanto di partita d’andata a a Milano. Questo l’esito dell’estrazione di Nyon che ha definito anche il tabellone tennistico fino alla finale di Monaco di Baviera del 19 maggio: chi si qualificherà se la vedrà nel penultimo atto contro la vincente di Benfica-Chelsea. Gli altri due quarti sono Apoel Nicosia-Real Madrid e Bayern Monaco-Marsiglia. Possibile quindi la finale Barça-Real.

Leggi anche: Zidane in finale di Champions: contento di tornare in Italia


Dea Bendata contraria, quindi, ma almeno ai rossoneri non sarà “consentito” di rilassarsi come successo nel ritorno degli ottavi contro l’Arsenal. Sono tredici i precedenti tra le due squadre con un bilancio di quattro vittorie rossonere, tra cui quella della finale di Coppa Campioni ’94 ad Atene (4-0), cinque dei blaugrana ed altrettanti pareggi. Il confronto più recente risale al girone della prima fase di questa stessa edizione: 2-2 in Spagna il 13 settembre e 3-2 per il Barcellona a Milano il 23 novembre. Indicazioni contraddittorie per Allegri: all’andata un Milan rinunciatario ed intimidito strappò un pareggio in parte fortunoso, al ritorno la squadra provò a giocarsela ma uscì sconfitta. Ma un conto è un girone, un altro una sfida ad eliminazione diretta: difendersi e basta non sarà possibile, almeno nella partita in casa, che purtroppo sarà la prima, ma esporsi sarebbe pericolosissimo. Comunque la si giri, servirà un’impresa.

Leggi anche: Verso Bayern Monaco-Juventus: le probabili formazioni

Leggi anche

Il presidente del Coni Giovanni Malagò
Sport

Calcio. Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln

Coni taglia contributi a Figc, -4,5 mln   Ammonta a 4,5 milioni di euro il taglio che il CONI ha deciso per contributi annuali alla Figc. Da 37,5 mln, si passa a 33 per l'anno 2017. E' quanto si é appreso al termine della riunione sui contributi che il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha tenuto oggi con i presidenti federali. Su 44 federazioni coinvolte, l'unica a presentare segno meno è proprio la Figc. Per altre 13 contributi invariati, mentre 30 ottengono un aumento. Tra queste, le più premiate sono quelle che hanno portato maggiori risultati a livello olimpico: nuoto, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*