Charlie Charlie Challenge: ecco spiegato il nuovo gioco virale COMMENTA  

Charlie Charlie Challenge: ecco spiegato il nuovo gioco virale COMMENTA  

Sempre più persone dichiarano di aver provato il gioco virale della seduta spiritica, e sull’argomento sono stati chiamati in causa psicologi ed esperti (visto che molti rivelano che durante e dopo il gioco avvengono cose piuttosto strane e insolite). La “Charlie Charlie Challenge”sta spopolando grazie al tam tam mediatico della Rete, e in realtà si basa su una falsa leggenda. Pronunciando la fatidica frase “Charlie Charlie are you here?”si evoca lo spirito di un demone piuttosto dispettoso, che si diverte a fare piccoli danni alle persone che lo hanno chiamato in causa.

Leggi anche: Codacons: in arrivo una stangata da 30 milioni per le famiglie, con il caro-benzina


Il meccanismo che regola questo gioco è chiaramente l’autosuggestione. Come appunto spiega uno psicologo, le persone cominciano ad associare a Charlie quello che succede attorno a loro.

Leggi anche: Lutto per la moda italiana: si è spenta Krizia

In realtà chiunque provi questo gioco si aspetta che accada qualcosa. Ovviamente, quando capitano episodi strani (luci che si spengono, porte che sbattono, ecc.) siamo noi a riempirli di significato riportandoli al gioco in questione.

Si tratta invece di pura casualità. Ovviamente, poi, sul web tutto tende ad amplificarsi all’ennesima potenza.

Leggi anche

alecsandra-puflea-2
News

Ragazza cacciata dall’hotel perché scambiata per una prostituta

Episodio di razzismo denunciato a Ferensway, nel Regno Unito. Una ragazza rumena, Alecsandra Puflea, 22 anni, studentessa di Criminologia all'Università di Hull, si è vista rifiutare la camera di un hotel, l’Holiday Inn Express, che aveva prenotato online, perché scambiata per una prostituta. Era insieme al suo fidanzato. Dopo aver visto la sua carta d'identità, l'addetto alla reception l'ha mandata via, dicendo che l’albergo non accettava clienti rumeni - neanche il fatto chela studentessa abbia mostrato la sua patente britannica, è servito - . Poi la struttura si è scusata, dicendo di aver stabilito “quella” regola perché alcune ragazze provenienti dalla Romania erano state scoperte Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*