CHE BARBA, CHE NOIA ! - Notizie.it
CHE BARBA, CHE NOIA !
Salute

CHE BARBA, CHE NOIA !

Tutti sbadigliamo, senza differenze di razza, sesso, età. C’è un’inspirazione seguita da un’espirazione di durata più breve, durante cui è molto difficile, se non impossibile, evitare di aprire la bocca e far uscire aria. Si sbadiglia per noia, per stress, stanchezza, o quando si passa dal sonno alla veglia e viceversa. Tutt’altra cosa è lo sbadiglio contagioso, perchè si sa: lo sbadiglio è contagiosissimo, per motivi psicologici, in particolare per un processo definito “empatia” per cui tendiamo a immedesimarci negli altri e a imitarli. Vedere o sentire sbadigliare qualcuno induce a farlo a nostra volta, per riflesso involontario. La contagiosità dello sbadiglio sarebbe di natura relazionale.

Uno studio recente condotto dall’Università di Pisa e dal CNR ha mostrato chiaramente che il contagio emotivo dipende dal rapporto personale tra chi sbadiglia e chi guarda. Se colui che sbadiglia è la persona che si ama o un parente, allora la reazione in chi guarda è più rapida.

Scende con gli amici e i conoscenti e arriva a livelli minimi con gli sconosciuti.Il processo empatico si sviluppa intorno ai 4 anni ed ecco quindi che i bambini cominciano a sbadigliare per riflesso proprio a questa età. Questa teoria spiega il perchè i bambini autistici non avrebbero lo sbadiglio contagioso e perciò sbadigliano molto, molto meno degli altri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche